Giostra della Quintana nell'Era Moderna

Da WikiFoligno.

La Riesumazione

Nel 1946, volendo celebrare gli 80[1] anni di vita del sodalizio, la “Società di Mutuo Soccorso fra gli operai, agricoltori ed altri cittadini di Foligno”, decise di far risorgere, tra le antiche tradizioni della Città, quella dell’Autunno Folignate, da svolgersi in occasione della rituale Fiera di Settembre. Emilio De Pasquale[2], "assiduo frequentatore della documentazione storica cittadina", già segretario di Monsignor Faloci, suggerì al segretario Feliciano Cecchini di inserire, tra le manifestazioni celebrative dell’80° anniversario della Società, la riesumazione di un antico torneo cavalleresco di cui gli presentò gli atti storici: la corsa alla Quintana effettuata in Foligno il 10 Febbraio del 1613, in occasione del Carnevale, descritta in ogni particolare dal cancelliere di quel tempo, Ettore Tesorieri. Le motivazioni che indussero le persone facenti parte del sodalizio, tra le quali anche cultori della storia della città, ad aderire con slancio alla proposta non furono dettate solo dal proposito iniziale, né da una chiara coscienza storico-rievocativa, che tuttavia venne sempre meglio delineandosi nel corso del tempo; tutti ne intuirono la dimensione, ma videro soprattutto la possibilità di ritrovare in quell’evento festivo un’occasione di raccordo e di armonia tra tutta la popolazione, nelle mura di una città provata e devastata dagli eventi bellici dell’ultimo conflitto mondiale. Nella riunione del Consiglio di Amministrazione della Società del 23 Giugno 1946, al punto 3 dell’Ordine del Giorno, venne stabilito che “la Giostra dell’Inquintana” sarebbe stata inserita tra le manifestazioni e si dette incarico al segretario di avviare i contatti con i rappresentanti delle banche ed i cittadini più facoltosi, allo scopo di assicurare adeguata copertura finanziaria. Il 23 Giugno 1946 è quindi ufficialmente la data di nascita della Giostra della Quintana nell’era moderna. Nel poco tempo a disposizione, venne creato il primo Comitato Centrale ed il primo Agosto fu dato a mezzo stampa l’annuncio ufficiale della manifestazione, che si sarebbe svolta Domenica 14 Settembre, preceduta dal Corteo Storico del Sabato sera.

Sulla Gazzetta di Foligno del 10 Agosto 1946 apparve questo articolo:

“[…] La benemerita Società di Mutuo Soccorso fra gli operai, agricoltori ed altri cittadini di Foligno, riunitasi in Comitato speciale, sta preparando eccezionali festeggiamenti per l’”Autunno Folignate”. Questi festeggiamenti culminerebbero con la Giostra della Quintana alla quale parteciperanno cavalieri in costume armati di lancia che galoppando cercheranno di colpire in faccia il caratteristico fantoccio chiamato Quintana. Precederà, alla Giostra interessantissima un folkloristico corteo di valletti rionali con bandiere e trombe. […] Se l’iniziativa, come tutto è dato a sperare, riuscirà, anche Foligno rivivendo del suo glorioso passato, potrà in breve emulare il famoso pallio di Siena e passando sopra a tutti gli elementi che ci hanno disgraziatamente disuniti in questi ultimi anni, ritrovare la via della concordia ed insieme della innocente e storica rievocazione delle simpaticissime competizioni rionali. […] In modo speciale è chiamato a rispondere l’elemento giovanile e studentesco per organizzare i proprio rioni, per indossare i caratteristici costumi per lo storico corteo. Agli esperti cavallerizzi si fa fin d’ora pressante invito di iscriversi per la corrida della Giostra che riuscirà interessantissima dinanzi ad un bellissimo pubblico riversatosi nel campo sportivo. […] Le domande potranno essere indirizzate al “Comitato Festeggiamenti – Autunno Folignate – Piazza Spada” […] Amanti dell’ordine e della concordia, auguriamo ai promotori ogni migliore successo non senza far appello ai folignati di rispondere in pieno alle eventuali richieste di collaborazione che il Comitato potrà rivolgere in questo periodo di preparazione.

L’organizzazione aveva poco più di un mese per reclutare i Cavalieri ed i figuranti, suddividerli nei dieci Rioni, stilare un programma della manifestazione con un cerimoniale ed un regolamento della corsa, e dare infine inizio a quella che sarebbe diventata una tradizione. Vennero coinvolti i giovani del San Carlo che, entusiasticamente, si prestarono a partecipare come figuranti, mentre il neonato Comitato Centrale lavorava febbrilmente per delineare lo svolgimento della manifestazione. Ovviamente non tutto fu fatto e non tutto fu fatto bene, ma la manifestazione riuscì “meravigliosa e superiore ad ogni aspettativa” e, per preparare l’edizione successiva, stavolta c’era un intero anno a disposizione.

La Manifestazione

Con il termine manifestazione intendiamo tutti gli aspetti che hanno ruotato e ruotano intorno alla Giostra; non solo la corsa in sè, ma tutta una serie di attività ed eventi che ne costituiscono i componenti fondamentali. Nel corso degli anni, la manifestazione, penetrando sempre con maggiore profondità nel tessuto sociale e culturale cittadino, ha subito modifiche e revisioni, ha ampliato i propri orizzonti, si è data un'organizzazione rigorosa e fondata su solide basi storiche. Analizzandoli separatamente, possiamo parlare di:

- L’Ente Autonomo Giostra della Quintana
- La Data di Svolgimento
- Il Campo de li Giochi
- Il Bando di Giostra
- Il Corteo Storico
- Il Regolamento di Gara
- Eventi e Manifestazioni Collaterali

L’Ente Autonomo Giostra della Quintana

Le prime due edizioni della Giostra della Quintana vennero organizzate dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso; dal 1948 si costituì l’Ente Autonomo Giostra della Quintana che venne legalmente riconosciuto nel 1952 come Ente Morale non lucrativo. In linea di massima, la struttura generale dell’Ente Giostra attuale, non si discosta molto da quella che era negli anni 50; si sono delineati con più precisione scopi, incarichi e modalità elettive in conformità con i tempi. L’ultimo Statuto dell’Ente Giostra è datato 2009 e prevede le figure del Presidente[3] e del Vicepresidente, un Consiglio Direttivo, un Collegio Sindacale, un Comitato Centrale, composto dai Priori delle 10 contrade e responsabile delle Commissioni Artistica, Tecnica ed Elettorale ed un Comitato Scientifico, per lo studio e la conoscenza del periodo storico di riferimento. L’organo plenipotenziario con potere incondizionato di controllo e disciplina su tutte le precedenti figure è il Consiglio dei Cento, composto dai Priori e dai Consiglieri dei 10 Rioni, in numero massimo di 15 per ogni Rione, e da una rappresentanza, di diritto, del Comune di Foligno. Negli anni ’50 era un Comitato d’Onore, composto da personalità di spicco della società folignate, ad assolvere questa funzione. Sotto di esso c’era il Comitato Centrale, composto dai Priori, il Consiglio Direttivo, con Presidente e Vicepresidente ed altri membri, la Commissione Tecnica ed il Collegio dei Sindaci Revisori. Copia dello Statuto è scaricabile presso il sito ufficiale dell’Ente Giostra.

La data di svolgimento

Dal 1946 al 1978, salvo eccezioni, la Giostra della Quintana si è svolta ogni seconda Domenica di Settembre, preceduta dal Corteo Storico del Sabato sera. In questo periodo, la Giostra della Quintana di Foligno è stata chiamata per due volte a Roma per le manifestazioni collaterali delle Olimpiadi (1960 – Circo Massimo) e dei Campionati Europei di Atletica (1974 - Piazza di Siena).

Dal 1979 al 1999, salvo eccezioni, si sono svolte due Giostre, denominate Sfida e Rivincita, la seconda e terza Domenica di Settembre, con il Corteo Storico al Sabato antecedente la Giostra della Sfida. Il 14 Giugno 1992 si è svolta un'edizione speciale della Giostra della Quintana, legata alla Lotteria Nazionale. L'abbinamento della Giostra con la Lotteria Nazionale si è ripetuta anche nel 1996, il 13 Luglio, e nel 1997, il 12 Luglio.

Dal 2000 ad oggi, sempre salvo eccezioni, si svolgono due Giostre, una a metà Giugno, di Sabato sera, preceduta dal Corteo Storico il Venerdì, l’altra a metà Settembre, di Domenica pomeriggio, preceduta dal Corteo Storico il Sabato.

Il Campo de li Giochi

Il Campo de li Giochi

L’impianto di via Nazario Sauro, oggi intitolato ai due grandi della Quintana, Marcello Formica e Paolo Giusti, venne completato nel 1929, anno VII dell’era fascista, ed inaugurato l’anno successivo come Stadio del Littorio. Nel 1936 venne intitolato a Dandolo Gramellini, folignate che cadde in combattimento durante la "guerra di Spagna". Dopo la Liberazione divenne semplicemente Stadio Comunale e scomparve il busto dedicato a Gramellini che si trovava all'ingresso. Durante la lettura del Bando, veniva chiamato “Campo de li Giochi” fin dal 1946, ma è solo di recente che ha assunto questa denominazione in via ufficiale. Fino al 1983, anno in cui venne completato il nuovo Stadio Comunale in loc. Santo Pietro, oggi dedicato ad Enzo Blasone, la Quintana ha condiviso l’uso del campo con il Foligno Calcio, ragion per cui i cavalli dovevano galoppare sull’erba e su un terreno facilmente allentabile dalle piogge, causa di numerose e a volte drammatiche cadute. Nonostante il trasferimento del Foligno Calcio nel nuovo impianto, l’uso promiscuo del vecchio stadio proseguirà fino alla fine degli anni '90 per l’utilizzo del campo da parte di squadre minori. Conseguito finalmente l’uso esclusivo del terreno per la Giostra della Quintana, si sono potute apportare importanti modifiche al circuito di gara: la pista è in terra battuta, sopraelevata rispetto al resto del campo e con le curve leggermente paraboliche, condizioni che hanno permesso di raggiungere tempi di Giostra mai registrati prima e di limitare notevolmente le cadute, che erano invece frequenti negli anni precedenti.[4]

Il Bando di Giostra

Il Bando ai Cittadini, compilato con stile dell’epoca dall’avvocato Giuseppe Mancini, venne letto la sera di sabato 14 settembre 1946, prima dell’inizio del Corteo Storico.

"Nobili et illustrissimi messeri et magnifiche madonne e voi tutti popolo di Foligno, che in cittade vivete o fuor di mura, per le verdi contrade e le montagne tutte, udite!

Al campo delli giochi scendono armati d'antica lancia, a dorso di focoso destriero, i dieci cavalier di nostra gente, che in gara d'honore e di virtude, alla vittoria per sé e per lor rione drizzan la galoppante corsa! Non patir danno in singolar tenzone, ma sfida aperta al simulacro di guerra, che li padri nostri antiqui costrussero e chiamarono Quintana! L'honor de la vittoria al cavalier cui benigna sarà Fortuna e buona destrezza aiuterà al cimento: non solo honore, ma anco segno di meritato premio e al suo Rione il Palio cittadino e nel tempo la fama di tanta conquista!

Udite o cittadini!

Dieci rioni in gran tenzone: ciascuno a un cavalier affida e a un bizzarro destriero la propria sorte; e voi incitate a gran voce gridando per l'uomo vostro; lo quale volitando incalza destino e bendata fortuna l'anello infilando nella man di Marte, che assicura vittoria a chi la merita!

Udite o cittadini, ed accorrete!

Non l'un contro l'altro, ma tutti in gara, ognun per sé, e la volontade di vittoria in tutti! Voi dei Pugilli e del rion La Spada, voi che abitate il Rion de la Mora e degli Ammanniti; o che dei corruschi color vi esaltate del Morlupo e de la Croce Bianca; voi che lo stendardo amate o dei Giotti o di Badia, o che vivete in Cassero o in Rion di Contrastanga! Tutti al campo delli giochi a rituffar nei secoli le menti esacerbate e rinnovate trarle dalla tenzone della virtude e dell'honore!"

Nel 1947 venne redatto, sempre dall’avvocato Mancini, un altro Bando; nel 1948 venne scelto un altro testo ancora, ma l’anno successivo venne ripreso il Bando del 1947 che è quello riproposto ogni anno fino ad oggi, seppur con delle minime modifiche.

Bando sopra la pubblica Giostra da porsi in Fuligno

Madonne e Messeri che in Foligno vivete,
o dentro le mura o fuor per le campagne amene, udite!

Dame superbe in preziosi broccati
coi lor sorrisi alle genti intorno,
e scintillar di lance e di cruenti sproni
e saettar di focosi destrieri
e lor nitrire nel divorar lo spazio
e gran virtute dei cavalieri eletti;
e nembi di polve e volitar di piume
e grida e gioia et urla di Vittoria,
ecco vi attendono al Campo de li Giochi,
nel corruscar del vespro settembrino![5]

Ecco tra Voi rinnovellata torna la tenzone
della virtute e de l'honore
che in premio porge al più bravo, tra i bravi
de cavalieri vostri in campo,
prezioso palio e sorriso di Madonna illustre.

Qual dè Rioni appagherà il desio
di tor di mano al Cavalier di Croce Bianca[6]
il lauro cinto in ultima tenzone?

Ciascun de cavalieri nel maneggiar di lancia
alla corsa furente di veloce destriero
l'arma sua drizza alla desiata vittoria.
E ciascun di Voi ha il cavaliere eletto,
cui Fortuna e Valore
daranno il vanto di altissimo honore.

Tutti accorrete e rimirate i prodi!
Tutti scendete ne le Piazze,
ne le Vie e nel Campo de li Giochi!
E fate festa a cavalieri vostri!

Tutte accorrete, o genti dei Rioni,
tutte accorrete a gioir di Vittoria,
anco se arride altrui,
che la concordia e l'amor de la Cittade tutta,
son pur vittoria e bella e grande!!!

Il Banditore di Giostra, Claudio Pesaresi

Agli inizi era il Maestro di Campo a dare lettura del Bando, sia prima del Corteo che prima dell’inizio della Giostra. Poi per qualche anno fu il Sindaco della Città ad assumersi tale incombenza finchè, nel 1984, il compito passò a chi spettava di diritto, ovvero al Banditore, figura che esisteva nel ‘600 e che viene, da ben 25 anni, impareggiabilmente interpretata da Claudio Pesaresi[7]

Il Corteo Storico

A differenza della Giostra, il Corteo non è una replica o una rivisitazione di un Corteo svoltosi nel '600, ma si tratta di un elemento introdotto nel 1946 come presentazione al pubblico della manifestazione dal punto di vista scenico e spettacolare. In esso confluiscono costumi e bandiere, Dame e Cavalieri, cavalli e carri, tamburini, trombettieri e sbandieratori e tutti quegli elementi che contribuiscono a rappresentare uno spaccato della realtà dell'epoca, in una scenografia di addobbi, luminarie e colori, che fanno calare il pubblico nell'atmosfera seicentesca. Il primo Corteo Storico, del 14 Settembre 1946, era composto da circa 90 personaggi in costume:
[...] "da Palazzo Trinci si snoda il corteo dei dieci Rioni: Tamburini in testa, seguiti dal Maestro di Campo, dai Capitani del Popolo e dai dieci rappresentanti dei Rioni, partecipanti alla Giostra, a cavallo, guidati da un Palafreniere. A chiudere il carro trionfale, dove in piedi ed in perfetto costume del tempo, sono i Trombettieri e le dieci Dame dei Rioni con le lance che all’indomani avrebbero dovuto consegnare ciascuna al proprio Cavaliere prima della corsa ed il Palio destinato in premio al Rione vincente."
Precedentemente, a mezzo stampa o con manifesti affissi in Città, i cittadini residenti lungo le vie del percorso del Corteo, vennero pregati di "addobbare le finestre ed i balconi, possibilmente illuminandoli con fiaccole o lampioncini". Si prescriveva inoltre di "tenere sgombre le strade del percorso da veicoli od altro e di mantenersi sui marciapiedi o lungo i muri, evitando intralci al procedere del Corteo."
La composizione del Corteo era molto diversa da quella che siamo abituati a vedere; anch'essa ha subito modifiche e variazioni, sia per quanto riguarda la composizione dei singoli Rioni, l'ordine di sfilata ed il numero di figuranti, che per quanto riguarda l'attinenza dei costumi al periodo storico di riferimento. Non era infatti inusuale, nei primi anni, vedere capi d'abbigliamento di periodi storici diversi anche addosso ad uno stesso figurante. Nel 1949 viene istituita una Commissione per valutare l’insieme storico, artistico e disciplinare, ovvero l’aderenza dei costumi al periodo storico, la disciplina, la disinvoltura e la marzialità dei figuranti: “Il Corteo non è né un funerale, né un gregge, né una mascherata carnevalesca; ma va inteso nel suo senso storico”, si legge nel testo del regolamento Artistico. La stragrande maggioranza dei costumi venivano affittati a Roma, a Cinecittà o nei teatri della Capitale, e spesso la foggia non corrispondeva al periodo storico di riferimento, ed abbracciava vari secoli prima e dopo il ‘600. La severità nei giudizi della Commissione Storico-Artistica ha senz’altro prodotto nel tempo ottimi risultati; oggi, infatti, c'è una grande attenzione riguardo il confezionamento dei costumi che si attengono rigorosamente al periodo storico, ovvero ad un periodo in cui Foligno era parte dello Stato Pontificio ed in cui era forte l'influenza spagnola; ogni Rione ha la sua sartoria ed i costumi sono tutti di proprietà.
Per quanto riguarda il Corteo, attualmente è disciplinato da un Regolamento che stabilisce, entro una certa tolleranza, la composizione e la struttura delle rappresentanze rionali:
Apre il Gruppo Politico, ovvero il Priore con il Consiglio e il suo seguito di valletti. Segue il Gruppo Nobiliare, nel quale figurano gentiluomini, le Dame e la Dama di Giostra, con il seguito di paggi e valletti. Il Gruppo Equestre è determinato dalla presenza del Cavaliere di giostra con il suo padrino, il portalancia, il portanome ed altri cavalieri di scorta. Ogni Rione esibisce una compagine di tamburini e di trombettieri. L’Alfiere rionale, in genere, apre il tutto il gruppo, che può essere anche preceduto dal porta-targhe, dove sono raffigurati gli stemmi di ciascun Rione.
Dopo la lettura del Bando, il Corteo, governato dai Cerimonieri del Comitato Centrale con la collaborazione di quelli rionali percorre le strade cittadine, secondo un itinerario ben preciso, lungo il quale sono disseminati archi trionfali e luminarie particolari. Sono circa un migliaio le persone che in costume danno vita a questo momento così spettacolare e così ricco di suoni e di colori. Di particolare rilevanza è la presenza obbligatoria nel Corteo del Comitato Centrale, che è anche detto undicesimo Rione, non competitivo. Per essere più precisi, la definizione Comitato Centrale riguarda il Corpo di Magistrature al completo di tutti i membri di diritto e designati. Ma i Priori rionali sfilano con il proprio Rione, quindi, nell’ambito del Corteo, appare in pubblico il Direttivo dell'Ente, formato da Presidente, vice-Presidente ed i dieci magistrati del Consiglio, e gli altri appartenenti ad esso, secondo quanto stabilisce la normativa. In questo Gruppo sono presenti il Gonfalone della città e dell’Ente ed una Rappresentanza delle Pubbliche Istituzioni, cioè il Sindaco ed alcuni assessori. Anche il Comitato Centrale è accompagnato dalla compagine di tamburini, di trombettieri e di altro personale nobiliare e subalterno. L'ordine di sfilata dei Rioni è stabilito in base al piazzamento nella Giostra precedente.

Photogallery

Il Regolamento di Giostra

Nel corso degli anni, il Regolamento di Giostra ha subito diverse modifiche, alcune minori, altre di maggior impatto, dettate perlopiù dalla necessità di adeguamento alle nuove situazioni man mano che si presentavano. Ad esempio, le prime Giostre si correvano su una pista ovale e la Statua era posta sotto la tribuna. La modifica del tracciato, da un ovale ad un “8”, si deve, più che alla volontà di aumentare la difficoltà, all’accoglimento delle proteste del pubblico che per la gran parte non riusciva a vedere il momento dell’infilzamento dell’anello. Si è anche dovuto tener conto della crescente bravura dei Cavalieri, delle nuove tecnologie e dei vari ricorsi che sono stati presentati nel corso degli anni contro un Regolamento che lasciava spazio ad interpretazioni.
Il primo regolamento tecnico era molto scarno:

1) I tre giri del percorso devono essere percorsi nel tempo massimo di 2’30’’.
2) Per ogni anello infilato al galoppo e lasciato cadere a terra, oltre il limite prescritto (bandierina n.4) vengono assegnati punti 30.
3) I Cavalieri a parità di punteggio, ripeteranno la gara, con anelli di diametro inferiore; verificandosi ancora la parità di punteggio si terrà conto del minor tempo impegnato.
Penalità:
1) Per ogni minuto secondo impiegato in più del tempo massimo, penalità: punti 0.50
2) Caduta della lancia, penalità: Fuori Gara
3) Caduta del Cavallo e del Cavaliere, penalità: punti 15
4) Caduta del solo Cavaliere, penalità: punti 30
5) Caduta di qualsiasi oggetto di vestiario e rottura di bardature in genere, verificatesi durante il percorso, penalità: punti 10
6) Il Cavaliere deve effettuare il percorso entro la pista; ogni scarto dalla pista, penalità: punti 10
7) Lo scarto dalla pista per più di 3 volte, penalità: Eliminazione
8) Si terrà conto con modalità che verranno ulteriormente diramate dall’assetto, compostezza e disciplina del Cavaliere. Per la validità del percorso è tassativamente prescritto di compiere evoluzioni all’esterno degli appositi segnali (bandierine) girando da sinistra rispetto alla direzione del percorso.

Come già detto, la pista era un ovale e, rispetto ad oggi, numerose altre erano le differenze: le bandierine erano solo 4, che bisognava lasciarsi a sinistra nelle curve del percorso, gli anelli erano “nudi”, ovvero non avevano il pennacchio bicolore che presentano oggi, inoltre il loro diametro interno era “forfettario”, le misure non erano specificate nel Regolamento (cosa che avverrà solo nel 1975). C’era una tornata eliminatoria ed uno spareggio ed il tempo contava solo nello spareggio, con una precisione al quinto di secondo; contavano gli anelli lasciati cadere a terra dopo il traguardo, particolare che in seguito verrà rivisto con buone ragioni.
Nel 1948, la voce 8 delle penalità viene sostituita con:
“L’intero tragitto dovrà essere percorso al galoppo. Un momentaneo arresto al trotto, per vizio del Cavallo (a giudizio della Giuria) e non per volontà del Cavaliere, sarà esente da penalità.”
Viene ritoccato anche il regolamento tecnico, in considerazione dell’aggiunta delle bandierine lungo il percorso e dei nastri che adornano gli anelli: vengono introdotti 10 punti di penalità per l’abbattimento di una bandierina e l’eliminazione per l’abbattimento di 3 o più bandierine; inoltre “catturare” l’anello per i nastri anziché infilandolo viene considerato nullo. Infine, non viene più fatta distinzione sui motivi che portano all’interruzione del galoppo, ma si assegnano 15 punti di penalità in ogni caso. Si specifica che, per ragioni organizzative, il percorso non può variare dalla forma ad “ellisse”; questa era in pratica una risposta alle proteste degli spettatori per la scarsa visibilità. Si evidenzia che il verdetto della giuria è inappellabile, ma questo non eviterà clamorose proteste, come vedremo in seguito.
Nel 1950, contrariamente a quanto esposto l’anno precedente, il percorso diventa un 8, con la statua posta al centro del campo.
Nel 1952, per la prima volta, due binomi ottengono lo stesso punteggio e lo stesso tempo nella tornata di spareggio: (1’50’’ e 2/5). Si rende necessaria una terza tornata che vinse Remigio Cinti dello Spada, davanti a Cruciano Giusti del Contrastanga.
Nel 1953 il Regolamento inizia a farsi più corposo; si specifica che il percorso ha la forma di un “8”, si abbassa il tempo massimo a 2’20’’ e si stabilisce che gli anelli infilati dovranno essere trattenuti sulla lancia e presentati alla Giuria al termine del percorso; l’errore di percorso rettificato costerà 10 punti di penalità, mentre in caso di non rettifica c’è l’eliminazione.
Nel 1958 i margini della pista sono contrassegnati da bandierine, il cui abbattimento o danneggiamento costano penalità al Cavaliere.
Nel frattempo la terza tornata è diventata abituale, stante la crescente bravura dei Cavalieri di Giostra.
Il diametro interno degli anelli verrà indicato con precisione in occasione della Giostra del 1975: le misure dovranno essere esattamente 11, 9 e 6,5 cm. Inoltre, anche se non era mai stato espressamente indicato nel Regolamento, la corsa prevedeva di percorrere una diagonale a vuoto per giungere all’arrivo dalla stessa direzione da cui si era svolta la partenza; dal 1975 questa diagonale viene abolita ed il Cavaliere può dirigersi verso l’arrivo, dalla direzione opposta rispetto alla partenza, subito dopo il terzo anello. Il lento abbassamento dei tempi, che aveva portato i Cavalieri migliori a compiere il giro in 1’15’’2°° (record del 1973; il tempo inizia ad essere cronometrato anche con i centesimi di secondo) subirà un repentino abbassamento: è infatti del 1979 il primo record di pista inferiore al minuto: 59’’55°° di Mario Giacomoni dell’Ammanniti.
Dal 1980 si prende in considerazione il tempo complessivo delle tre tornate per stabilire il vincitore e non più il solo tempo dell’ultima. L’ultima modifica al Regolamento è del 2008 quando, vista l’abilità dei Cavalieri che ormai non sbagliavano più il primo anello, si decise di restringerli ad 8, 6 e 5 cm di diametro interno.
Il percorso si sviluppa per una lunghezza di 754 metri, su una pista delimitata da 44 bandierine, e si compone di un ovale e due diagonali da percorrere al galoppo; ad ogni tornata bisogna infilare con una lancia i tre anelli appesi al braccio della Statua della Quintana, posizionata al centro del Campo.
Questo è il regolamento attuale:

  • Il tracciato del percorso ha la forma di un “otto”. Nel percorrerlo il Cavaliere deve lasciare le bandierine segnalinee all'interno del Campo.
  • Il percorso deve essere coperto nel tempo massimo che viene ricavato dalla media dei tempi delle prove ufficiali.
  • Il percorso deve essere fatto al galoppo.
  • Il Cavaliere che in qualsiasi punto del percorso interromperà il galoppo, verrà penalizzato con punti 15.
  • Per ogni anello, che per essere valido deve essere infilato al galoppo, sono assegnati 30 punti.
  • Il Cavaliere dovrà trattenere sulla lancia gli anelli infilati e presentarli alla Giuria al termine del percorso.
  • Il punteggio sarà assegnato in base agli anelli presentati.
  • A parità di punteggio i Cavalieri ripetono la gara con tre anelli di diametro inferiore (centimetri 6) Ancora a parità di punteggio i Cavalieri ripeteranno la gara con anelli di diametro inferiore (centimetri 5). Verificandosi ancora parità di punteggio, la somma del tempo impiegato complessivamente determinerà la classifica. Da sottolineare che nella prima tornata gli anelli hanno un diametro di otto centimetri.
  • Per errore di percorso non rettificato: eliminazione.
  • Per errore di percorso rettificato: penalità 10 punti.
  • Per abbattimento di bandierine segnalinee: penalità 10 punti.
  • Per abbattimento di più di tre bandierine: eliminazione.
  • Per ogni minuto impiegato in più del tempo massimo: penalità 5 punti.
  • Caduta della lancia: eliminazione dalla gara. Caduta del cavaliere: penalità 15 punti.
  • Caduta del cavallo e del cavaliere: penalità punti 10.
  • Caduta di qualsiasi oggetto di vestiario e di bardatura: penalità 5 punti.
  • Al termine della gara, dopo la classifica, sarà consegnato il Palio al Cavaliere vincente.

Eventi

Dalla seconda edizione della Giostra, si cominciò a delineare la sequenza degli eventi come un rito. Il Sabato a mezzogiorno si esposero le bandiere rionali sul balcone del Palazzo Municipale, la sera alle 21 si dette lettura del Bando prima dell’inizio del Corteo, la Domenica, sfilando per raggiungere il Campo, si passò davanti alla Cattedrale per ricevere la benedizione del Vescovo.
Da allora numerose rivisitazioni, innovazioni, aggiunte e correzioni hanno modificato il cerimoniale rendendolo sempre più affascinante.
Oggi tutte le vie del Centro Storico vengono imbandierate, con i colori del rispettivo Rione, con largo anticipo (è tradizione che tutti i Rioni lo facciano durante la "notte delle bandiere", in modo che la Città si risvegli al mattino pavesata a festa) e durante le due settimane che precedono ciascuna Giostra aprono le dieci caratteristiche Taverne rionali; si è curata con particolare attenzione la scenografia degli eventi che si susseguono di fronte ad un pubblico sempre più entusiasta.

Al presente, fanno parte del cerimoniale:

- Il saluto e lo scambio dei doni tra l’Autorità Ecclesiastica e quella Civile, costituita dalla rappresentanza del Comune e dell’Ente Giostra.

- Lo Stimolo Generoso di Virtude, attraverso la riproposizione teatrale del dilemma se per un Cavalier d'honore, del quale si conoscono le virtù e le qualità, è di maggior contento mantenere la gratia del suo Principe, oppure scegliere il continuato favore di bellissima e gentilissima dama.

- L’arruolamento dei Cavalieri, in cui chiedono di essere iscritti a gareggiare per il proprio Rione.

- La benedizione dei Cavalieri da parte del Vescovo.

- Il sorteggio dell’ordine di partenza.

- La suggestiva lettura del Bando da una delle finestre degli antichi palazzi che si affacciano sulla Piazza.

- Il Corteo Storico, che si snoda per le vie della Città seguendo un percorso che può anche variare di anno in anno.
La Domenica non si effettua più il Corteo Storico su un percorso ridotto, ma l'ammassamento avviene al Parco dei Canapè da dove i componenti dei Rioni si recano al Campo secondo una precisa sequenza.

- L’ingresso in Campo dei tamburini, dei trombettieri e degli sbandieratori che precedono i Gruppi Nobiliari.

- L’ingresso dei 10 Cavalieri che dovranno eseguire il giro d’onore.

- Lettura del Bando.

- Giostra.

- Consegna del Palio.

- Premiazione dei vincitori in Piazza.


Manifestazioni collaterali

Il Gareggiare dei Convivi

Dagli inizi degli anni '70, i Rioni cominciarono a dotarsi di una Taverna, ricavata da un locale dei numerosi palazzi seicenteschi della Città, in cui poter consumare cibi semplici nell'atmosfera medioevale. L'evoluzione di questo fenomeno fu rapida e costante, già nel 1976 si istituì la prima "Gara Gastronomica" tra i Rioni, i cibi proposti erano diventati più complessi e più aderenti al periodo storico. Nel corso degli anni, le Commissioni Artistiche rionali si sono addentrate sempre di più nella conoscenza di quello che era il "banchetto barocco" studiando sui testi dell'epoca non soltanto i segreti della preparazione dei cibi, ma anche l'addobbo, la presentazione dei piatti ed il contorno di musici ed attori che allietavano il Principe ed i suoi ospiti. Balli, musiche, rappresentazioni teatrali e spettacoli di magia accompagnano la Giuria durante la degustazione dei piatti, e concorrono al punteggio finale. Il Gareggiare si divide in due manche: a Giugno vengono visitati 5 Rioni ed altrettanti a Settembre, in modo da avere due Rioni finalisti che si contenderanno la vittoria nel periodo del Carnevale successivo.
Tre sono i Rioni che si vantano di aver “inventato” le taverne: il Cassero, il Giotti e il Contrastanga. In realtà nel 1968, i dirigenti del Rione Cassero, nello scantinato molto caratteristico di Palazzo Gentili-Spinola vollero approntare in modo rustico una forma di accoglienza con cibi molto semplici. Il successo fu notevole. L’anno seguente la medesima esperienza fu praticata dal Rione Giotti e dal Rione Contrastanga. Bisognerà giungere al 1976 perché le taverne rionali potessero assumere una fisionomia ben precisa. I Rioni divennero, per questa occasione, “pionieri”, ricavando le loro taverne negli angoli più riposti degli antichi scantinati, tanto che fondi e cantine tornarono a risplendere. In linea di massima, esse sono attigue, se non addirittura facenti parte dello stesso complesso edilizio della sede rionale.

RIONE Ammanniti Badia Cassero Contrastanga Croce Bianca Giotti La Mora Morlupo Pugilli Spada
TAVERNA Locanda della Rosa Hostaria del Centurione Taverna del Leon d'Oro Taverna Sette Selle Taverna del Fedele Locanda del Prete di Rostoviglio Le Cantine del Gelso Taverna de lu Lupu Moru Taverna dell'Aquila Nera Taverna delle Conce

Segni Barocchi Festival

Istituita nel 1981, la manifestazione comprende spettacoli musicali, teatrali, cinematografici e mostre in qualche modo improntate al barocco. La ricerca di questo stile nelle arti non si limita al solo ‘600, ma ai suoi influssi o riprese posteriori e contaminazioni. La manifestazione si accompagna a feste in costume, giostre e giochi. Il pretesto è evidentemente la Giostra della Quintana: questa constatazione trovava elementi confermativi della giustezza dell’idea nella considerazione che segni importanti di stile barocco, nella città di Foligno, si rintracciano nella tipologia architettonica, negli interni dei palazzi e delle chiese e nella produzione artistica e letteraria. Si svolge durante il periodo della Giostra della Quintana di Settembre e fino ad ora ha compreso otto edizioni della "Notte Barocca", durante la quale restano aperti negozi, ristoranti, musei e taverne dei Rioni della Giostra della Quintana, che saranno animate con giochi, spettacoli e gruppi musicali itineranti.

Il Carnevale Ritrovato

La Quintana del 1613, quella di riferimento storico per l'attuale edizione, fu corsa proprio per dar luogo ai festeggiamenti del Carnevale. In Città si segnalava l’apertura del Carnevale esponendo in Piazza Grande la statua detta della Quintana a cura di una famiglia nobile[8] che aveva acquisito questo privilegio che mantenne sino al diciannovesimo secolo. Sempre da documentazione sappiamo che banchetti, balli nei palazzi, carri e mascherate rendevano lieti gli animi dei cittadini e sollecitavano nel contempo le reazioni di coloro che vedevano in queste manifestazioni “gli apparecchi del diavolo” e con appositi riti opponevano al Profano il Sacro, ovvero organizzavano veglie di preghiera e di espiazione. La presenza del Carnevale risulta documentata fino a tutto il secolo XIX, per entrare gradatamente in una zona di silenzio, mentre la Statua non si espone più dal 1834.
L’Ente Giostra della Quintana, a partire dal 2001 ha dedicato tre giorni per “ritrovare” questa storica occasione festiva, giorni scanditi in appuntamenti ben circostanziati:

• Esposizione della Statua della Quintana;
• Apertura di alcune taverne;
• Festa in un Palazzo nobile;
• Festa in Piazza o nelle vie della città.

La Statua della Quintana, il simulacro ligneo, su di un carro del Seicento, trainato da bianchi buoi apparati splendidamente, percorre le strade cittadine, seguita da un gran corteggio di personaggi in costume. Nel Palazzo nobile, con Dame e Gentiluomini, in abiti sfarzosi, si intrecciano danze e si ascoltano musiche d’epoca eseguite dal vivo, ci si diverte con intrattenimenti tipici di queste occasioni. In Piazza grande ancora danze, fuochi di artificio, varie festevolezze, fuochi di artificio ed offerta di dolci e di vino. Dal 2012 viene riproposta la gara canora tra i Rioni, il Cantaquintaniere, che, tra goliardia ed autentico talento musicale, vede sfidarsi giovani artisti rionali. Venne proposta per la prima volta nel 1968 e replicata l'anno successivo, poi venne "dimenticata" fino al 2012, quando il Magistrato Lucio Cacace ne propose il ripristino, diventandone il direttore artistico.

La Cena Grande

Come dice il nome, una grande conviviale che ruota intorno all'essenza più vera della manifestazione più importante della Città: lo stare insieme in nome dei valori quintanari: concordia, passione, aggregazione e sano agonismo. Rappresenta l'apertura ufficiale degli eventi dell'anno e si svolge per le vie della Città; ormai rappresenta un appuntamento particolare per i cittadini e per coloro che si trovano come ospiti o di passaggio a Foligno. Alla prima istituzione, era l’anno 2000, si contarono duemilacinquecento persone; adesso l’obiettivo è di superare le partecipazioni dell’anno precedente.

La Fiera dei Soprastanti

Riproposizione dell'antica Fiera che si svolgeva a Foligno[9] fino al 1816, dal 1998 è stata ripristinata per un solo giorno, prima della Giostra di Settembre, e viene presentata con particolare cura ed attenzione ai dettagli, con banchi di vendita costruiti secondo lo stile dell'epoca e merci attentamente controllate per la loro aderenza al periodo storico. Personaggi in costume (i Soprastanti, le "forze dell'ordine" dell'epoca), musici e giocolieri allietano i visitatori che potranno acquistare le merci esclusivamene pagando con la moneta appropriata: il Quattrino di Foligno[10], al cui cambio è deputato lUfficiale Depositario.

I PRESIDENTI DELLA FIERA DELLA CITTÀ DI FOLIGNO

Dovendosi celebrare anche in questo anno la
magnifica et antichissima Fiera de' Soprastanti
nel dì 30 Agosto, libera et franca de ogni datio et
gabella; se fa invito alla S. V. Ill.ma ad intervenirvi
con le proprie merci, con avvertimento che sarà be
accolta, trattata e difesa in ogni incontro.
La quale Fiera avrà svolgimento in luogo opportuno
nei pressi del Centro Storico, avendo inizio ad ore 17
et fino alle 24.

In fede. Dato dalla Residenza del Magnifico Cancelliere della Giostra della Quintana

Photogallery

Il Palio di San Rocco

La "corsa dei somari", goliardicamente organizzata dal Rione Cassero, è ormai parte di diritto del programma ufficiale degli eventi collaterali alla Giostra della Quintana. Si svolge nei periodi di Giugno e Settembre, in Piazza San Domenico, e vede i rappresentanti dei dieci Rioni sfidarsi in groppa a degli asini. Nel “Palio di San Rocco”, in dettaglio, ogni rione – che per l’occasione assumono una diversa denominazione – sarà rappresentato da tre popolani ed un somarello. Ad ogni manche prendono parte cinque rioni, dei quali i primi tre classificati accedono alla finale. A questa partecipano quindi sei rioni, dai quali al termine della curiosissima corsa esce il vincitore.

La Gara dei Tamburini

I tamburini dei dieci Rioni si sfidano in Piazza, sotto gli occhi di un'apposita ed attenta Giuria, che decreta quale delle formazioni merita il premio del "pistillo d'argento".

Il Mas Galano

Premio riservato al Cavaliere che si distinguerà dagli altri per l'abbigliamento e la nobiltà del portamento, contrariamente alle altre manifestazioni rievocative, come il Palio di Siena, in cui il premio è destinato al figurante, senza distinzione di categoria.

La prima Giostra della Quintana dell’era moderna

I Cavalieri scesero in campo, ricevendo la lancia dalle mani della propria dama, nel seguente ordine:

Rione Cavaliere Finto Nome Dama
La Mora Agostino Ronci Il Generoso Virginia Ceccarelli
Ammanniti Alberto Moretti Il Gagliardo Adriana Bastianelli
Pugilli Bruno Salvatori Il Moro Alma Gnaldi
Spada Giovanni Gregori L’Audace Maria Cecchini
Croce Bianca GianLivio Sorbi Il Fedele Marisa Rossi
Contrastanga Sisto Leonardi Il Furente Maria Salvati
Morlupo Vinicio Talevi Il Baldo Tina Marini
Cassero Alviero Cirocchi Il Pertinace Marisa Vitali
Giotti Osvaldo Minestrini L’Animoso Marilè Mascaretti
Badia Giuseppe Gregori L’Ardito Franca Catarinelli

Il Palio venne vinto dal Fedele di Croce Bianca, GianLivio Sorbi, in sella a Isabella. I cavalli utilizzati non erano certamente purosangue, ma onesti quadrupedi che, nel resto dell’anno, svolgevano tutt’altra attività; tra di essi c’era anche il “morello” utilizzato per il trasporto delle salme al cimitero. La pista all’interno del Campo Sportivo era un ovale, da percorrersi in senso antiorario; la statua della Quintana era posta sotto la Tribuna Centrale e i Cavalieri vi arrivavano dall’odierna “curva figuranti” in direzione dell’odierna “curva piscina”. Contrariamente a quanto avveniva nel Medio Evo, i Cavalieri non dovevano colpire la statua, ma infilare gli anelli, com’è al presente. Oltre al “prezioso Palio e sorriso di Madonna Illustre” era previsto un premio in denaro per il vincitore, 10.000 lire, che il Fedele GianLivio Sorbi devolvette all’orfanotrofio locale; inoltre parte del ricavato dell’incasso della Giostra della Quintana fu devoluto in beneficenza all’Asilo Infantile Garibaldi di Foligno (£ 5.000), all’Orfanotrofio Maschile (£ 40.000) ed al Ricovero di Mendicità (£ 10.000).

Le Giostre della Quintana dal 1946 ad oggi

Dal 1946 al Giugno 2017 si sono corse 113 Giostre ed assegnati 114 Palii (1 ex-aequo nel 1957).

Di queste:

2 a Roma, Olimpiadi 1960 e Campionati Europei di Atletica 1974;

3 abbinate alla Lotteria Nazionale negli anni 1992, 1996 e 1997;

3 Giostre non si sono svolte ed i Palii non sono stati assegnati: 1969 a causa di un violento nubifragio, 1984 per la pioggia, edizione speciale in onore del Presidente della Repubblica Sandro Pertini e 1997 a causa del terremoto di due giorni prima;

1 palio è stato revocato nella Giostra della Rivincita 2002, vinta dallo Spada, vittoria poi annullata a seguito dei controlli antidoping sul cavallo ed il Palio è stato assegnato al Rione secondo classificato: l'Ammanniti.

Dal 1946 al 1978 si è corsa una Giostra l’anno, ad eccezione del 1960 (Edizione Olimpica a Roma), del 1969 (Non disputata a causa di un violento nubifragio) e del 1974 (Edizione Europei di Atletica a Roma).

Dal 1979 al 1999 si sono corse 2 Giostre l’anno, denominate Sfida e Rivincita, la seconda e la terza Domenica di Settembre, ad eccezione degli anni 1992 – 1996 – 1997 in cui è stata corsa una Giostra aggiuntiva abbinata alla Lotteria Nazionale; nel 1997 non si è disputata la Giostra della Rivincita a causa del Terremoto.

Nel 1984 si sarebbe dovuto celebrare l’arrivo a Foligno del Presidente della Repubblica Sandro Pertini con una Giostra in suo onore, ma a causa del maltempo non venne effettuata.

Dal 2000 ad oggi le due Giostre si corrono a metà Giugno ed a metà Settembre, la prima di Sabato sera, in notturna, la seconda di Domenica pomeriggio.

Fatti salienti

  • 17 Settembre 1950: Prima Giostra sul percorso ad "8".
  • 21 Settembre 1952: Prima volta in cui fu necessaria la terza tornata tra Contrastanga e Spada; vinse lo Spada.
  • 12 Settembre 1954: Record di pista del Fedele di Croce Bianca, Marcello Formica, su Piccolo: 1'47" e 2/5.
  • 11 Settembre 1955: Paolo Giusti esordì nella Giostra della Quintana, con il Rione Contrastanga, ad appena 12 anni. Il giovane Furente concluse la sua prima prova al Campo de li Giochi infilando due anelli nel tempo di 2',37" e 4/5, incorrendo in una penalità di venti punti per aver concluso il percorso due secondi oltre il tempo massimo, a causa dell'uscita dal tracciato di gara. Nel presentarlo, il Priore del Rione, Anita Chiucchi, lo descrisse come "un ragazzo, ma autentico cavaliere, che rimpiazzerà il posto e la tradizione lasciatagli dal padre Cruciano"(anche lui Cavaliere di Giostra per lo stesso Rione, era morto colpito da un calcio del cavallo che stava addestrando). A Paolo Giusti venne concesso di gareggiare con una lancia lievemente più leggera delle altre, in considerazione della giovane età.
  • 8 Settembre 1957: Si dovette ricorrere ancora alla terza tornata per stabilire il vincitore: Paolo Giusti del Contrastanga concluse le tre tornate senza penalità; l’ultima con un tempo di 1’55’’ mentre Marcello Formica del Croce Bianca compì l’ultima tornata nel tempo (record) di 1’47’’, ma incorse in una penalità per "imprecisione di percorso". La cronaca della gara, inoltre, riportò che Formica, al secondo giro della terza tornata, avrebbe colpito la statua e non infilato l’anello, ma alla Giuria ne consegnò comunque tre. La Gazzetta di Foligno ipotizzò che l’anello, sbalzato dal braccio della Statua a causa del colpo preso, sia andato a finire addosso al Cavaliere che potè così consegnarlo alla Giuria. Formica non accettò la penalità e presentò denuncia in Tribunale, sostenuto dall'allora Priore, Marina Gianformaggio, contro l’Ente Giostra, per "errata interpretazione del regolamento di Giostra", e querelò la Gazzetta. L’Ente si difese ricordando l’inappellabilità del verdetto della Giuria ma comunque, nell’Aprile dell’anno successivo, per evitare il proseguimento dell’iter processuale, stabilì di assegnare la vittoria "ex-aequo". A questo punto insorse il Contrastanga, che era alla sua prima vittoria, rifiutandosi di riconoscere il verdetto e riconsegnando il Palio e la Coppa vinti il settembre precedente. Dopo lunghe trattative e discussioni, l’Ente Giostra fece preparare due nuovi Palii da consegnare ad entrambi i Rioni, ma il Contrastanga dichiarò di non volerne sapere. Alla fine si raggiunse il tanto atteso accordo: un palio ciascuno ma un’inimicizia che durerà negli anni.
  • 7 Settembre 1958: Marcello Formica, dopo aver vinto il Palio per il Rione Croce Bianca, annunciò il ritiro. Rimase fermo però solo un anno, tornando a difendere i colori biancorossi nel 1960.
  • 21 Agosto 1960: Edizione speciale della Giostra della Quintana al Circo Massimo di Roma, nell'ambito delle manifestazioni collaterali alle Olimpiadi. Vinse Marcello Formica del Croce Bianca, ancora su Piccolo.
  • 14 Settembre 1969: Un nubifragio si abbattè su Foligno, costringendo gli organizzatori ad annullare la Giostra della Quintana.
  • 9 Settembre 1973: Paolo Giusti del Morlupo, in sella a Nabucco, stabilì il nuovo record di pista: 1'15"2°°.
  • 3 Settembre 1974: Ancora a Roma, a Piazza di Siena, nell'ambito delle manifestazioni collaterali ai Campionati Europei di Atletica; vinse Paolo Giusti per il Morlupo, in sella a Nabucco.
  • 14 Settembre 1975: Venne eliminata la diagonale a vuoto e si stabilirono con precisione le misure del diametro interno degli anelli da utilizzare nelle tre tornate: 11 - 9 - 6.5 cm; precedentemente erano misure "forfettarie".
  • 9 Settembre 1979: Mario Giacomoni dell'Ammanniti, in sella a Selmonsson, scese per primo sotto al minuto: 59"55°°.
  • 14 Settembre 1980: Dalla Giostra della Sfida del 1980 si prese in considerazione, per la classifica finale, il tempo complessivo delle tre tornate.
  • 12 Settembre 1982: A sorpresa, dopo essersi allenato durante l'estate per il Rione Contrastanga, Fabio Cruciani passò al Badia di Giampaolo Properzi, per un compenso di 4.000.000 di Lire. Si trattò del primo Cavaliere a ricevere un compenso per la partecipazione alla Giostra della Quintana. Il Contrastanga dovette ingaggiare, a pochi giorni dalla Giostra, Mauro Fondi. La Giostra della Sfida fu vinta dallo Spada con Gianfranco Ricci su Zirmia.
  • 19 Settembre 1982: Privo del necessario allenamento, Mauro Fondi del Contrastanga vinse il Palio in sella a Stellina; per i rionali gialloblù fu una "giusta vendetta".
  • 5 Ottobre 1984: Storica visita dell'allora Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, a Foligno. La Giostra organizzata in suo onore, ed alla quale avrebbe dovuto assistere, non fu effettuata a causa del maltempo.
  • 8 Settembre 1985: Una drammatica caduta di Mauro Mazzocchi del Rione Pugilli, in sella ad Argo, causò l'irrimediabile azzoppamento del cavallo che dovette essere abbattuto. La domenica successiva, Mazzocchi non se la sentì di gareggiare, lasciando spazio all'esordiente Emanuele Filippucci.
  • 20 Settembre 1987: Mauro Mazzocchi, nel frattempo passato al Croce Bianca, con cui aveva vinto i due Palii dell'86, in sella a Bolero IV stabilì il nuovo record di pista: 57"25°°.
  • 9 Settembre 1990: Un'altra rovinosa caduta costò la vita ad un cavallo; Fuego dello Spada, montato da Gianfranco Ricci, venne abbattuto per la frattura di entrambe le zampe anteriori.
  • 15 Settembre 1991: A causa della pioggia, la Giostra della Rivincita venne posticipata al 22 Settembre.
  • Settembre 1997: Il 14 non venne disputata la Giostra della Sfida a causa della pioggia e fu rimandata al 21; il 28 non venne disputata la Giostra della Rivincita a causa del terremoto di due giorni prima e venne annullata.
  • Settembre 1998: Entrambe le Giostre vennero posticipate per pioggia; la Sfida si corse il 20 Settembre e la Rivincita il 4 Ottobre.
  • 12 Settembre 1999: Paolo Margasini del Pugilli su Ca' Granda vinse la Giostra stabilendo il nuovo record di pista: 55"90°°. Manterlinda, dell'Ammanniti, montata da Riccardo Conti, si ferì in gara e fu successivamente necessario abbatterla.
  • 19 Settembre 1999: Incidente per Ca' Granda che riportò la lussazione del nodello; non fu abbattuta ma venne ritirata dalle competizioni. Lorenzo Paci del Contrastanga, su For a Friend, vinse il Palio registrando un nuovo record: 55"50°°.
  • 15 Settembre 2002: Lucio Antici dello Spada vinse il Palio in sella a Valdoyou; gli venne poi revocato a seguito dei controlli antidoping ed assegnato all'Ammanniti.
  • 18 Settembre 2005: A causa della pioggia, la Giostra venne rinviata a Sabato 24 Settembre.
  • 17 Giugno 2006: Per la concomitanza con l'incontro di calcio Italia-U.S.A. valevole per il Campionato del Mondo che si svolgeva in Germania, la Giostra della Sfida venne rimandata al giorno successivo.
  • 17 Settembre 2006: A causa della pioggia, la Giostra venne rinviata a Sabato 23 Settembre, in notturna.
  • 14 Giugno 2008: A causa della pioggia, la Giostra della Sfida venne rimandata al giorno successivo, dove fecero il loro esordio gli anelli da 8, 6 e 5 centimetri.
  • 14 Settembre 2008: Pomeriggio piovoso, la Giostra venne disputata alla sera.
  • 9 Giugno 2011: Durante le prove per la Giostra della Sfida del 18, la cavalla Estrada, del Rione Morlupo, montata da Lucio Antici, si ferì incredibilmente con una bandierina che, anzichè cadere al suolo, le si conficcò in un fianco recidendo un'arteria addominale e causandone la morte. Dalla Giostra successiva vennero utilizzate bandierine più sicure, appositamente ideate e realizzate.
  • 15 Giugno 2013: Francesco Scattolini del Cassero, su Sword Dream stabilì il nuovo record di pista: 53"21°°; Luca Innocenzi del Contrastanga, su Rowing Celt, girò a 52"52°°, ma il tempo non fu omologato perchè il percorso non fu netto in quanto mancò un anello.
  • 28 Agosto 2013: La purosangue Scheggia nel Vento, del Rione La Mora, montata da Lorenzo Paci, si fratturò durante le prove. Nonostante il ricovero alla Clinica Veterinaria di Perugia, fu necessario abbatterla.
  • 10 Settembre 2013: Il purosangue Rowing Celt, protagonista nella Giostra di Giugno per il miglior tempo, anche se non omologato, è stato trovato morto nel suo box, probabilmente stroncato da un infarto.
  • 14 Giugno 2014: Per la concomitanza con l'incontro di calcio Italia-Inghilterra valevole per il Campionato del Mondo che si svolgeva in Brasile, la Giostra della Sfida venne rimandata al giorno successivo ma, a causa della pioggia, venne ancora rimandata a Sabato 21.
  • 30-31 Luglio 2015: In occasione della Esposizione Universale Milano 2015 (Expo 2015), la Giostra della Quintana di Foligno, inserita a pieno diritto nel panorama delle eccellenze regionali, ebbe un'importante vetrina internazionale. La sera del 30 Luglio si volse il Banchetto Barocco e, il pomeriggio del 31, un corteggio di circa 200 figuranti, alfieri, tamburini, chiarine, nobili e nobildonne, attraversò l'area dell'Expo da Cascina Triulza, lungo il Decumano, fino all’Anfiteatro.
  • 13 Settembra 2015: A causa della pioggia, la Giostra della Rivincita venne rimandata al sabato successivo, alle ore 21.
  • 19 Settembre 2015: Il Cavaliere del Croce Bianca, Daniele Scarponi, mentre stava completando la tornata, venne fatto oggetto del lancio di una lattina, proveniente dal settore dei "popolani", in particolare, da quello occupato dai sostenitori della Contrada rivale, il Giotti. In seguito alle recriminazioni del Rione Croce Bianca, la giuria di gara decretò la ripetizione della tornata, fermi restando i 10 punti di penalità acquisiti per l'abbattimento di una bandierina, evento precedente al lancio della lattina. Il Rione rinunciò alla ripetizione ed il Palio fu vinto proprio dal Rione Giotti, il cui Cavaliere venne tanto sonoramente quanto ingiustamente fischiato dal pubblico presente durante l'ultima tornata. Nei giorni immediatamente successivi, anche a seguito di indagini di Polizia, l'autore del gesto uscì allo scoperto, scusandosi pubblicamente. Il Rione Giotti ne decretò l'immediata radiazione. Il Palio fu regolarmente omologato e non vi furono provvedimenti di rilievo da parte dell'Ente Giostra nei confronti della Contrada.
  • Aprile - Maggio 2016: Equiteria, azienda all’avanguardia nella progettazione e realizzazione di terreni per ogni competizione equestre, in poco più di un mese realizza il nuovo "otto" di gara; il 9 Maggio 2016, i cavalieri di alcuni Rioni poterono effettuare le prime prove del nuovo terreno di gara.
  • 18 Giugno 2016: La Giostra della Sfida del settantennale, disputata sul nuovo terreno, ha regalato, oltre a numerosi errori (abbattimento di bandierine, anelli mancati) ben due record di pista: il primo, 52"70°°, realizzato da Massimo Gubbini del Rione Giotti in sella a Wind of Passion, non è stato omologato per l'abbattimento di una bandierina, il secondo, 53"15°° realizzato da Daniele Scarponi dello Spada, in sella a City Hunter, è pertanto il record ufficiale di pista. La Giostra è stata vinta proprio dal binomio portacolori della Contrada delle Conce.
  • 18 Settembre 2016: Sotto una costante minaccia di pioggia, la Rivincita del settantennale si è disputata a colpi di record di pista: prima Daniele Scarponi dello Spada, in sella a City Hunter, ha migliorato il record (53"15°°), appartenente allo stesso binomio, con un tempo di 53"09°°; poco dopo Pierluigi Chicchini, del Pugilli, in sella ad Edward England stabilisce il nuovo record di pista con 53"01°°. E' stata la prima volta in cui si sono stabiliti due record, entrambi omologati, nella stessa Giostra. Christian Cordari, del Badia, in sella a Nitro Horse, perde la staffa destra durante la prima tornata ma riesce a completare la Giostra senza errori, pur con un tempo elevato. Da segnalare il ritorno in pista di Gianluca Chicchini, chiamato dal Rione Contrastanga a sostituire Luca Innocenzi, infortunatosi in un incidente durante l'estate. Per la cronaca, la Giostra è stata vinta dal nipote Pierluigi per il Pugilli, dopo un'appassionante duello sul filo dei centesimi con il "rivale" dello Spada.
  • 17 Giugno 2017: Giostra funestata dal grave incidente che ha coinvolto il cavallo del Rione Giotti, Wind of Passion, caduto durante la seconda tornata all'ingresso della curva sotto al Palco dei Figuranti. Dopo essere stato sedato e trasportato in ambulanza alla Clinica Veterinaria di Perugia, ed essere stato dichiarato inizialmente non in pericolo di vita, il cavallo è morto la mattina successiva per un probabile arresto cardiaco. Al momento in cui scriviamo sono in corso indagini per accertare eventuali responsabilità e sono in atto diverse polemiche tra associazioni animaliste ed il mondo della Quintana. Fino al momento del grave infortunio, la Giostra ha regalato emozioni agli spettatori presenti; per la seconda volta nella storia della Quintana moderna, si sono stabiliti due record di pista, entrambi validi: prima il Rione Morlupo, con Lorenzo Paci su Lanunio, ferma i cronometri sul tempo di 52"48°°, poi proprio Massimo Gubbini del Giotti, su Wind of Passion, abbassa ancora il tempo record a 52"19°°. La Giostra, caratterizzata da numerosi errori ed imprecisioni, vedrà vincitore il Baldo del Morlupo.
  • 16 Settembre 2017: Il Corteo Storico del sabato sera, preannunciato come il più sfarzoso di sempre e ricco di interessanti novità, è stato interrotto poco dopo l'inizio della sfilata da un'intensa pioggia. A causa del conseguente annullamento del cerimoniale in piazza, l'estrazione dell'ordine di partenza dei cavalieri di Giostra è stata effettuata a Palazzo Candiotti.
  • 17 Settembre 2017: Il Rione Badia vince il suo quarto Palio, a ben 34 anni di distanza dall'ultima vittoria. Tutta la città si è unita ai festeggiamenti del Rione vincente, nel segno della concordia.

I Protagonisti

I Cavalieri

Per la prima edizione della Giostra del '46, gli "esperti cavallerizzi" dovettero presentare domanda di iscrizione presso il comitato dei festeggiamenti. Non abbiamo modo di verificarlo, ma probabilmente vennero assegnati in maniera casuale ai Rioni, ipotesi supportata dal fatto che, negli anni immediatamente successivi, molti di loro cambiarono Rione più volte. La partecipazione era gratuita, supportata dallo spirito di competizione ed animata da un pizzico di sana follia. Tra i primi Cavalieri "stabili" in uno stesso Rione troviamo Marcello Formica, che negli anni 1951-1960 fece le fortune del Croce Bianca, vincendo ben 7 Palii; Paolo Giusti, che per 9 anni prosegui il rapporto con il Contrastanga di cui dal 1948 era Cavaliere il padre Cruciano (morto nel '55 per un incidente con un cavallo), prima di iniziare una lunga e fruttuosa collaborazione con il Morlupo; Mario Margasini, che fu Cavaliere dell'Ammanniti dal 1960 al 1976, Amedeo Ciancaleoni, che fu Cavaliere e Priore del Giotti dal 1966 al 1975. Le prime "voci" di un "ingaggio" per i Cavalieri di Giostra iniziano a diffondersi verso la metà degli anni '70, quando vengono chiamati a giostrare per la Quintana i primi Cavalieri "stranieri", i faentini Gianfranco Ricci per il Cassero e Mario Giacomoni per l'Ammanniti, ma troveranno conferma solo nel 1982 quando Fabio Cruciani del Contrastanga passò, dietro compenso, al Badia. Da allora è diventata pratica comune stipulare dei veri e propri contratti tra Rione e Cavaliere, tenendo anche conto del fatto del progressivo crescente impegno in termini di spostamenti ed allenamenti. In alcuni periodi la presenza "straniera" di Cavalieri nella Giostra della Quintana è stata piuttosto forte; diversi sono stati i Cavalieri provenienti da Città dove si svolgono Giostre simili alla nostra: Faenza, Arezzo, Servigliano, Ascoli Piceno, Narni. Negli ultimi anni si assiste al percorso inverso, sono infatti i Cavalieri della Scuola Ippica Folignate a farsi valere nelle Giostre di queste Città, in particolare alla Quintana di Ascoli Piceno.
I Cavalieri più vittoriosi della Giostra della Quintana sono Marcello Formica e Paolo Giusti, con 12 Palii ciascuno, di cui uno ex-aequo e Paolo Margasini con 11 Palii[11].

Photogallery

Le Dame

Essere la "bellissima e gentilissima Dama" per il cui "continuato favore" i Cavalieri si sfidano è senz'altro stato fin dall'inizio un vanto per le ragazze e le donne scelte ad interpretare questa parte all'interno del proprio Rione. Sarebbe scortese nominarne alcune e non altre, perchè tutte hanno dato, sempre, un tocco di grazia e bellezza, ingentilendo il Corteo coi loro sorrisi e gli abiti meravigliosi. Tuttavia giova ricordare un periodo, tra la fine degli anni '90 ed i primi del 2000, in cui, in competizione tra loro anche su questo, i Rioni scelsero di ingaggiare delle Dame "VIP", togliendo la scena alle folignati. Ricordiamo Melba Ruffo, prima Madrina della Giostra e quindi Dama dal Rione Croce Bianca che, dopo di lei, ingaggiò la "bizzosa" Eleonora Brigliadori che sfilava accompagnata dalla guardia del corpo e quindi Federica Moro, attuale Madrina della Giostra; le varie Ramona Badescu, Samantha De Grenet, Dalila Di Lazzaro, Barbara D'Urso, che fu Madrina nel 2001, e molte altre, decisamente meno note, anche se "VIP", almeno a giudicare dall'"ingaggio". Si tornò presto alla "normalità", anche per le perplessità del pubblico, mantenendo la sola figura della Madrina della Giostra, nella persona di Federica Moro (Miss Italia 1982), e restituendo il meritato spazio alle bellezze cittadine.

Photogallery

I Cavalli

Dalle prime edizioni della Giostra apparve subito evidente che l'abilità del Cavaliere non è l'unica componente necessaria per il conseguimento della vittoria; l'altra componente è il Cavallo, protagonista indiscusso della Giostra al pari del suo Cavaliere. In effetti, l'espressione più usata, e senz'altro più corretta, è "binomio", intendendo Cavallo e Cavaliere. Come già ricordato, i primi Cavalli impiegati per la Giostra non erano "del mestiere", ma ben presto si cominciò a cercare animali più adatti per questo genere di competizione. I continui progressi nell'evoluzione della Giostra e nella sistemazione della pista, hanno indirizzato le scelte dei Rioni verso Cavalli veloci, resistenti ed affidabili. I purosangue erano considerati troppo veloci per le caratteristiche della pista (uscivano spesso di pista), almeno fino alla metà degli anni '90, e si preferivano i sangue-misto Anglo-Arabi o Anglo-Arabo-Sardi; con la completa risistemazione della pista e soprattutto con la modifica delle curve, la Giostra della Quintana è diventata terreno per dei magnifici purosangue, che al momento rappresentano il 100% dei Cavalli in gara. Il primo Cavallo plurivittorioso fu Piccolo, che vinse 7 Giostre, una con lo Spada e 6 con il Croce Bianca (con Marcello Formica), poi fu la volta del binomio Paolo Giusti-Draghetto che vinsero 5 Palii per il Morlupo. Nabucco vinse 5 Giostre, 3 per il Morlupo e 2 per il Contrastanga mentre, in tempi più recenti, Bolero IV corse 23 Giostre vincendone 5 con Cavalieri diversi e diventando l'assoluto protagonista della Giostra per oltre un decennio; nello stesso periodo si affermava il binomio dello Spada, Gianfranco Ricci-Piccolo Fiore, vincitori di 3 Giostre. Negli anni '90 la sfida è tra Pazosu de Zamaglia del Cassero, meraviglioso e velocissimo ma vincitore di una sola Giostra, e Ca' Granda del Pugilli, con cui Paolo Margasini vinse 6 Palii, e che purtroppo si infortunò durante la Giostra della Rivincita del 1999. Nei primi anni del 2000, l'Ammanniti centra 3 vittorie consecutive col binomio Riccardo Conti-Lady Mix, per il Croce Bianca si afferma Scala Minore, vincitrice di 2 Giostre, mentre il binomio Lorenzo Paci-Go Betty Go del Pugilli riporta a casa un solo Palio. Al momento attuale sono diversi i Rioni ad avere una Scuderia propria, in cui soggiornano, per tutto l'anno, non solo il Cavallo di Giostra ma anche Cavalli di "riserva", animali più giovani da addestrare e molto spesso anche quelli che hanno concluso la loro carriera. L'utilizzo dei Cavalli per le manifestazioni storico-equestri come la Giostra della Quintana, è stato spesso osteggiato da Associazioni Animaliste, in particolare dopo incidenti che hanno coinvolto i Cavalli. Per la tutela della salute degli animali, sono previsti severi controlli anti-doping ad ogni Giostra.

La Lancia

La lancia di Giostra (di sezione rotonda anche nel puntale eccetto alcune fra le più vecchie che hanno ancora punta quadrangolare), come previsto dall’attuale Regolamento di gara all’articolo 12, ha le seguenti caratteristiche: lunghezza 3.150 millimetri; diametro 24-26 mm; peso kg. 2,00 - 3,00; impugnatura a 1600 - 1700 mm dal puntale; bandierina a forma di triangolo isoscele da mm 150 x 220, fissata alla distanza di mm 280 dal puntale. Ad accertarne la regolarità è la Giuria, che procede alle misurazioni ed alla punzonatura. Le operazioni si svolgono nella sede del Comitato Centrale, il pomeriggio del giovedì o venerdì antecedenti la Giostra, insieme con i costumi che i Cavalieri indosseranno per la gara.
La lancia utilizzata oggi dai Cavalieri della Quintana di Foligno deriva dalla lancia dei Reggimenti di Lancieri, nell'Arma di Cavalleria, tutt'ora esistenti nel nostro Esercito. Nel Museo dell'Ente Giostra della Quintana è conservata un esemplare di lancia modello 1900, donata dall'Esercito. La “lancia italiana modello 1900” è la terza ed ultima lancia d’ordinanza dell’Esercito Italiano che sostituì a partire dall’anno 1902 la precedente versione (lancia da cavalleria modello 1870) in legno di frassino. La modello 1900, interamente metallica, è stata utilizzata in operazioni durante la Prima Guerra Mondiale e successivamente solo per le cerimonie ed i servizi di rappresentanza. Ancora oggi, nei Reggimenti di Cavalleria dell’Esercito Italiano tale lancia viene utilizzata, sia a piedi sia a cavallo, durante le cerimonie. Ciò anche nella considerazione che lancia costituisce il principale simbolo dell’Arma di Cavalleria (infatti il fregio indossato dagli appartenenti a tale Arma è costituito appunto da due lance modello 1900 incrociate). La lunghezza totale è di 3.150 millimetri, la lunghezza della punta è di 135 millimetri ed il peso medio raggiunge 2.300 grammi. Una curiosità: all’interno della lancia (un tubo cilindrico di acciaio dolce, che è vuoto) sono disposti cinque o sei fogli di carta asciugante arrotolati e distribuiti per tutta la sua lunghezza allo scopo di attenuare la sonorità dell’arma.

Gli Anelli

Al pari del simulacro il cui nome ha fornito la denominazione della Giostra, Quintana appunto, gli anelli sono l’altro simbolo inconfondibile della tenzone cavalleresca di Foligno. Se in origine gli anelli da giostra erano di legno tornito o in tondino di ferro; con la frangia quasi sempre presente, intrecciata sull’anello stesso con i colori dell’araldica locale, oggi sono costituiti da cerchi in tubolare di alluminio, con un diametro in sezione di 10 mm. e spessore di 1 mm., lavorati ancora oggi esclusivamente a mano, nelle tre misure necessarie di otto, sei e cinque centimetri di diametro interno. Sono colorati con fasce bianche e rosse, i colori dell’araldica di Foligno, e sulla parte bassa, attraverso un leggera fenditura sono inseriti dei fili anch’essi bianco-rossi che formano una frangia ben visibile quando l’anello è appeso al braccio della statua della Quintana.

I Palii

Il Palio è il simbolo della Vittoria e nella Giostra della Quintana tutto ruota intorno ad esso. Fin dalla prima edizione della versione moderna, nel 1946, il Palio ha evidentemente costituito l'obiettivo finale. Oggi, al di là dell'essere espressione primaria del successo del rione, il Palio ha finito con il diventare una vera e propria opera d'arte, tanto che la Quintana - come solo poche manifestazioni in Italia - può esibire una vera e propria galleria d'arte moderna firmata da artisti importanti. Fino al 1981, pur nella dignità dell’assetto iconico, lo schema figurativo dei drappi non era caratterizzato da una particolare tendenza di stile individualmente artistico. In questo periodo nel Palio si volle congiungere al segno della vittoria l'espressione pittorica di artisti celebrati e qualificati quali Salvatore Fiume, Pietro Annigoni, Domenico Purificato, Remo Brindisi che nel corso del tempo hanno lasciato la loro preziosa traccia su un oggetto così conteso. Tutti i Palii sono dipinti, meno quello commemorativo del cinquantennale (settembre 1996) che è ricamato a mano. Era d'uso, fino agli anni '80, mostrare in pubblico i palii vinti durante il Corteo Storico; ora sono tutti gelosamente custoditi nelle Sedi Rionali dove hanno dei locali dedicati. Un Palio, e precisamente quello che avrebbe dovuto essere consegnato al vincitore della Rivincita 2004, fu oggetto di contestazioni da parte di diverse componenti della società civile e religiosa della città, con particolare riferimento alla Diocesi di Foligno; il Palio in questione infatti, dipinto dall'artista newyorkese Jeffrey Isaac, raffigurava San Feliciano nudo a Cavallo. La decisione di non assegnare questo Palio fu presa non con l'intenzione di denigrare il lavoro dell'artista, peraltro conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, ma con l'intento di recepire le osservazioni che venivano dalle suddette componenti. Per risolvere pacificamente la questione, l'Ente Giostra decise di trattenere presso di sè il Palio "incriminato" e di incaricare successivamente l'artista , per la Giostra della Sfida 2009, di realizzare un altro Palio.

Il discusso Palio di Isaac Il Palio di Isaac del 2009

Media

Oltre al sito ufficiale dell'Ente Giostra della Quintana ed alla pagina Facebook, la Giostra della Quintana ha una sua trasmissione dedicata su Umbria TV, Canale 10 del Digitale Terrestre, e sul web: Quintana Channel è un contenitore di informazioni, interviste, dietro le quinte, anticipazioni ed appuntamenti, condotto da Manuela Marinangeli e Mauro Silvestri, con la collaborazione di Claudio Bianchini, Luca Marinangeli, Lucio Cacace e Leonardo De Mai.

Note

  1. In qualche testo è riportato come l'85° anniversario, ma una copia del documento originale, pubblicata in uno dei testi che fanno parte della Bibliografia, specifica senza ombra di dubbio che si tratta dell'80°.
  2. In alcuni testi è citato come Emilio De Pasquali
  3. L'attuale Presidente è Domenico Metelli.
  4. L’artefice di questa opera è Marco Cardinali, presidente della Commissione Tecnica dal 2000.
  5. Nell’edizione di Giugno la frase diventa “nel corruscar dell’aere vespertino!”
  6. Ad ogni lettura del Bando si sostituisce il nome del Rione con quello del vincitore dell’ultima edizione.
  7. Claudio Pesaresi, attore, regista e rappresentante legale della compagnia teatrale “Al Castello” di Foligno, con sede in S.Eraclio.
  8. vedi pagina dedicata: Famiglia Gregori
  9. vedi pagina dedicata Fiere a Foligno nello Stato Pontificio
  10. vedi pagina dedicata Zecca di Foligno
  11. vedi pagina dedicata Statistiche

Bibliografia

"Rione Spada - Giostra della Quintana 1946" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 2007
"Giostra della Quintana 1946 - I protagonisti" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 1996
"1946:nonsoloquintana" - Lanfranco Cesari, Domenico Doni, Franco Bosi - Foligno 1996
La Gazzetta di Foligno
Ente Giostra della Quintana
http://quintana.altervista.org/
Cento Lire - Blog

Rione Ammanniti
Rione Badia
Rione Cassero
Rione Contrastanga
Rione Croce Bianca
Rione Giotti
Rione La Mora
Rione Morlupo
Rione Pugilli
Rione Spada

Voci Correlate

Collegamenti Esterni

Ente Giostra della Quintana Gazza.png Blog 100 Lire Jaco05.png QSilvio.png
Rione Ammanniti Rione Badia Rione Cassero Rione Contrastanga Rione Croce Bianca Rione Giotti Rione La Mora Rione Morlupo Rione Pugilli Rione Spada
Copy.png