La prima Giostra della Quintana dell'era moderna

Da WikiFoligno.
Jump to navigation Jump to search
Il carro con le dieci Dame

"Domenica 15 settembre 1946, ore 16:00
I rintocchi della Campana del Comune richiamano la folla sulla piazza e per le vie
Il corteo entra nel campo sportivo agli ordini del Maestro di Campo, Mario Rossi, e dei due Capitani del Popolo: Francesco Ciri e Alvaro Bellucci.
Dopo un giro d'onore tra i frenetici applausi dell'enorme folla, il Maestro di Campo dà solennemente inizio alla Giostra."
Iniziò così l'avventura della Giostra della Quintana nell'era moderna.

La prima Giostra

I Cavalieri scesero in campo, ricevendo la lancia dalle mani della propria dama, nel seguente ordine:

Rione Cavaliere Finto Nome Dama
Sc-LaMora.png Agostino Ronci Sn-LaMora.png Virginia Ceccarelli
Sc-Ammanniti.png Alberto Moretti Sn-Ammanniti.png Adriana Bastianelli
Sc-Pugilli.png Bruno Salvatori Sn-Pugilli.png Alma Gnaldi
Sc-Spada.png Giovanni Gregori Sn-Spada.png Maria Cecchini
Sc-CroceBianca.png GianLivio Sorbi Sn-CroceBianca.png Marisa Rossi
Sc-Contrastanga.png Sisto Leonardi Sn-Contrastanga.png Maria Salvati
Sc-Morlupo.png Vinicio Talevi Sn-Morlupo.png Tina Marini
Sc-Cassero.png Alviero Cirocchi Sn-Cassero.png Marisa Vitali
Sc-Giotti.png Osvaldo Minestrini Sn-Giotti.png Marilè Mascaretti
Sc-Badia.png Giuseppe Gregori Sn-Badia.png Franca Catarinelli


Cronaca

Dopo aver riverito il pubblico, il Cavaliere, chiamato a gran voce dal Maestro di Campo, si portava presso il carro trionfale e, salutata la sua Dama, secondo il costume di quei tempi, riceveva dalle mani di quest'ultima la lancia e quindi si appressava al punto di partenza.
Al segnale del rullio dei tamburi e degli squilli di trombe, dopo aver bene speronato il cavallo, il Cavaliere iniziava la corsa e compiva il percorso in tre giri di pista.
La Giostra consiste nel saper infilare, di galoppo la lancia, che tiene in resta, nel cerchio di ferro, che sostiene la Quintana nel braccio destro e di non farlo cadere prima dei quattro metri, a partire da dove è fissata la statua.
Ogni anello infilato vale 30 punti. Se durante il percorso il Cavaliere perde o il cappello, la spada, il mantello, per quella volta non acquista punteggio, anche se ha infilato bene.
Sia la caduta della lancia o del Cavaliere comporta la squalifica. Ritornando alla Giostra diremo che dopo tutte le prove dei singoli Cavalieri, il punteggio massimo era stato conseguito, a pari merito, dal "Fedele" di Croce Bianca e da "l'Ardito" del Badia. La giuria tecnica stabilì le eliminatorie.
Vincitore della nobilissima gara riuscì il Cavalier Fedele, Gian Livio Sorbi, della Croce Bianca.
Un uragano di applausi accolse il vincitore, che appressatosi alla sua graziosa Dama, ricevette dalle mani trepidanti di madonna Marisa Rossi il segno "del meritato premio".
Con il Palio nella destra, il vincitore fece il giro d'onore intorno al campo fra gli evviva e gli applausi della folla delirante.
Al secondo giro si accodarono gli altri nove cavalieri che, lancia nella destra in resta, compirono una brillante carica, degna dei Moschettieri di Richelieu.

Il Palio venne vinto dal Fedele di Croce Bianca, GianLivio Sorbi, in sella a Isabella. I cavalli utilizzati non erano certamente purosangue, ma onesti quadrupedi che, nel resto dell’anno, svolgevano tutt’altra attività; tra di essi c’era anche il “morello” utilizzato per il trasporto delle salme al cimitero. La pista all’interno del Campo Sportivo era un ovale, da percorrersi in senso antiorario; la statua della Quintana era posta sotto la Tribuna Centrale e i Cavalieri vi arrivavano dall’odierna “curva figuranti” in direzione dell’odierna “curva piscina”. Contrariamente a quanto avveniva nel Medio Evo, i Cavalieri non dovevano colpire la statua, ma infilare gli anelli, com’è al presente. Oltre al “prezioso Palio e sorriso di Madonna Illustre” era previsto un premio in denaro per il vincitore, 10.000 lire, che il Fedele GianLivio Sorbi devolvette all’orfanotrofio locale; inoltre parte del ricavato dell’incasso della Giostra della Quintana fu devoluto in beneficenza all’Asilo Infantile Garibaldi di Foligno (£ 5.000), all’Orfanotrofio Maschile (£ 40.000) ed al Ricovero di Mendicità (£ 10.000).



Galleria foto Giostra 1946


Bilancio

Pur se organizzata in quattro e quattr'otto, la manifestazione ebbe un successo straordinario, tanto da far riconsiderare l'idea iniziale di un evento unico ed irripetibile. Non mancarono le polemiche, in particolare tra "la Gazzetta di Foligno" e il corrispondente locale de "L'Unità", ma anche questo divenne un aspetto ricorrente delle Giostre a venire.


Bibliografia

"I Rioni di Foligno - Tradizione e Storia" - Bruno Martinelli - Associazione Orfini-Numeister - Foligno 1994
"Rione Spada - Giostra della Quintana 1946" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 2007
"Giostra della Quintana 1946 - I protagonisti" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 1996
"1946:nonsoloquintana" - Lanfranco Cesari, Domenico Doni, Franco Bosi - Foligno 1996
"Discorso della Città di Foligno - Cronologia dei Vescovi, Governatori, e Podestà, ch'hanno retto essa Città." - Lodovico Jacobilli - Foligno 1646
La Gazzetta di Foligno
Ente Giostra della Quintana
Sito "Quintana di Foligno"
"Qui - Brochure ufficiale della Giostra della Quintana di Foligno"
"Il Cittadino" - Periodico di costume, arte, cultura e turismo
Con il gentile contributo di Ivano Bruschi e Silvio Ceccarelli

Voci Correlate

Collegamenti Esterni

Sito ufficiale Ente Autonomo Giostra della Quintana di Foligno Quintana 4D Quintana di Foligno Gruppo Facebook Quintana di Foligno Biblioteca Lodovico Jacobilli Gazzetta di Foligno
Pagina Facebook Rione Ammanniti Rione Badia Rione Cassero Rione Contrastanga Rione Croce Bianca Rione Giotti Rione La Mora Pagina Facebook Rione Morlupo Pagina Facebook Rione Pugilli Rione Spada
Copy.png
Benvenuti su WikiFoligno

Il sito è attualmente in fase di upgrade del software e dei contenuti. Vi daremo notizia quando i lavori saranno terminati. Per accedere al "vecchio" sito, cliccare qui.