Diario di Giostra: Dal 1946 ad oggi

Da WikiFoligno.
Jump to navigation Jump to search
Il Calligrafo dell'Ente, messer Giampiero Bianchini

Dal 1946 a Settembre 2021 si sono corse 122 Giostre e assegnati 123 Palii (1 ex-aequo nel 1957). Di queste:

  • 2 a Roma: Olimpiadi 1960 e Campionati Europei di Atletica 1974;
  • 3 abbinate alla Lotteria Nazionale negli anni 1992, 1996 e 1997;
  • 1 edizione speciale, di solidarietà per il Comune di Norcia, il 6 ottobre 2019;
  • 3 Giostre non si sono svolte e i Palii non sono stati assegnati: 1969 a causa di un violento nubifragio, 1984 per la pioggia, edizione speciale in onore del Presidente della Repubblica Sandro Pertini e 1997 a causa del terremoto di due giorni prima;
  • 1 palio è stato revocato nella Giostra della Rivincita 2002, vinta dallo Spada, vittoria poi annullata a seguito dei controlli antidoping sul cavallo, e il Palio è stato assegnato al Rione secondo classificato: l'Ammanniti;
  • Dal 1946 al 1978 si è corsa una Giostra l’anno, a eccezione del 1960 (Edizione Olimpica a Roma), del 1969 (Non disputata a causa di un violento nubifragio) e del 1974 (Edizione Europei di Atletica a Roma);
  • Nel 1984 si sarebbe dovuto celebrare l’arrivo a Foligno del Presidente della Repubblica Sandro Pertini con una Giostra in suo onore, ma a causa del maltempo non venne effettuata;
  • Dal 1979 al 1999 si sono corse 2 Giostre l’anno, denominate Sfida e Rivincita, la seconda e la terza Domenica di Settembre, a eccezione degli anni 1992 – 1996 – 1997 in cui è stata corsa una Giostra aggiuntiva abbinata alla Lotteria Nazionale; nel 1997 non si è disputata la Giostra della Rivincita a causa del terremoto;
  • Dal 2000 a oggi le due Giostre si corrono a metà Giugno e a metà Settembre, la prima di Sabato sera, in notturna, la seconda di Domenica pomeriggio.
  • Nel 2019 si è disputata una Giostra straordinaria di solidarietà in favore del Comune di Norcia, gravemente danneggiato dal terremoto del 2016.
  • Nel 2020 si è disputata una sola Giostra a causa della pandemia da coronavirus.
  • Nel 2021 la Giostra della Sfida si è disputata in agosto, a causa delle restrizioni adottate per contenere la pandemia.

1946-1950

1946

A Foligno, per festeggiare l'80° anniversario della "Società Operaia di Mutuo Soccorso", Emilio De Pasquale suggerisce la "riesumazione" di un antico gioco cavalleresco disputato in Piazza Grande la sera del 10 febbraio 1613. "Stimolo Generoso di Virtute", così lo aveva chiamato Ettore Tesorieri, patrizio di Andria e cancelliere della Città. Tre secoli dopo De Pasquale, anche lui di Andria, non manca all'appuntamento con la storia e ci consegna la Giostra della Quintana. La Giostra doveva festeggiare solo quella ricorrenza, ma il grande successo della prima edizione ha fatto in modo che la festa si ripetesse ogni anno fino a oggi.
La prima Giostra si disputa il 15 settembre, il regolamento è composto da 7 articoli, la pista è ovale e la statua del Dio Marte viene posizionata sulla dirittura davanti alla Tribuna Centrale. Il tempo massimo per completare il percorso è di tre minuti. La sera prima della Giostra, a Palazzo Trinci, viene letto il Bando scritto dall'avvocato Giuseppe Mancini, che invita alla concordia, per lenire le ferite lasciate dalla guerra. Subito dopo i personaggi in costume sfilano per le vie del centro cittadino tra lo stupore dei folignati. Al Campo de li Giochi i prezzi dei biglietti d'ingresso sono: 250 lire per le tribune, 100 per le gradinate e 50 per i posti al campo. Vince Gianlivio Sorbi su Isabella per il rione Croce Bianca, e i cavalli di Giostra sono tutti rimediati sul posto. Tra loro c'è Morello, cavallo stanco e triste, che durante l'anno percorre la via che porta al cimitero trainando il carro funebre. Non vincerà mai la Giostra, ma la sua versatilità lo rende un cavallo memorabile.
Non mancano le polemiche. La Gazzetta di Foligno, settimanale cattolico fondato da monsignor Michele Faloci Pulignani, concede ampio spazio alla manifestazione; l’Unità, giornale del partito comunista, critica l'organizzazione con la penna di Tito Marziale, che ricorre all'immagine del "cavallo di Troia" associandola alla Quintana, rea di aver riportato alla ribalta personaggi del passato regime. La Quintana, pensata come edizione unica, piace alla gente e viene riproposta anche l'anno successivo.

Lo straordinario successo di quel settembre '46, convinse quel pool di temerari che, forse, quella strana gara equestre, nata per scommessa, poteva avere un avvenire. I folignati, infatti, avevano accolto entusiasti la Quintana e, seppur in presenza di una città devastata, letteralmente, dalla guerra e alle prese con una difficilissima ripresa, avevano voglia di ripartire, di creare nuove occasioni di coesione e socialità. E la Giostra della Quintana rispondeva a questa ansia di mettersi alle spalle uno dei periodi più tristi della storia della città. Ed è in questo contesto che la tenzone barocca, ovviamente declinata nella sua versione novecentesca, conobbe il suo primo cavaliere "plurivittorioso". Alberto Moretti era il suo nome; il Rione Ammanniti la sua contrada.
Certo, i "magnifici dieci" di quegli anni pioneristici, erano lontani anni luce dai binomi stellari dei giorni nostri, ma affrontare una gara come la Quintana (che ancora non conosceva "l'otto" attuale, ma un più rassicurante "zero"), con cavalli che, nella migliore delle ipotesi, fino al giorno prima della competizione erano intenti al trasporto di carretti o altro e, cosa non secondaria, cercare di infilare gli anelli, non rappresentava certamente una passeggiata. E Alberto Moretti fu il primo grande interprete di quei momenti. Nel 1947 il Gagliardo, in sella a "Vaporetto" (già dai nomi di questi cavalli, si intuiva la loro origine più che proletaria), regalò all'Ammaniti il primo palio della sua storia. Le cronache del tempo, la ricordano come una gara molto combattuta, giocata, fino alla fine, sul computo dei bersagli più o meno centrati. Dopo due anni di stop, nel 1950, Moretti concesse il bis. Sempre in qualità di Gagliardo dell'Ammanniti, questa volta insieme a Faro, Alberto Moretti regolò una concorrenza che cominciava a farsi più agguerrita. Era nata la prima "star" della Giostra della Quintana, il primo cavaliere di una sequela di plurivittoriosi che qualche anno più tardi, avrebbe annoverato, tra le sue fila, nomi come quelli di Marcello Formica e Paolo Giusti.
Negli anni successivi, abbandonato l'agonismo, Alberto Moretti rimase nel mondo quintanaro nella veste autorevole di magistrato dell'Ente Giostra della Quintana. Lo ricordiamo attivissimo, sia durante il periodo di presidenza dell'ispettore Raffaeli che in quello di Ariodante Picuti, ascoltato consigliere di questi ultimi, nonché promotore e animatore di moltissime iniziative messe in campo dall'Ente in quel periodo.
Rilevante anche la sua monumentale raccolta di ricordi sulla Giostra. Un archivio immenso, fatto di fotografie, articoli, studi e pubblicazioni varie, che amava mettere a disposizione di chi si poneva al cospetto della Quintana con il dovuto rispetto e ne volesse ricostruire la sua storia recente. Alberto Moretti è stato tutto ciò: il primo monumento vivente della Giostra della Quintana di Foligno.


1947

A Foligno nasce il primo Comitato Centrale e il vice presidente, Monsignor Luigi Faveri propone la benedizione del Vescovo in Piazza per i cavalli e i cavalieri.
Vengono istituite le cariche di Primo Magistrato e dei Consoli del comune. Il primo Capitano del Popolo è Marcello Formica, mentre Emilio De Pasquale viene nominato Primo Magistrato.
Maestro di Campo è Vinicio Talevi e vince la Giostra Alberto Moretti, Gagliardo del rione Ammanniti, in sella a Vaporetto.


1948

L'Ente Giostra diventa autonomo. Il Corteo diventa ancora più ricco e spettacolare grazie alla presenza di oltre 150 cavalli. Alcuni di questi hanno in groppa le bellezze folignati e sono guidati dai palafrenieri.
Il campione Alberto Moretti sbaglia un anello, arriva puntuale la protesta che si concretizza nel rifiuto di sfilare a cavallo all'uscita del Campo.
Vince la Giostra il Fedele di Croce Bianca, Mario Gregori su Blu, fermando il cronometro sul tempo di 1 minuto e 40 secondi.


1949

La Quintana continua la sua ascesa e molti commercianti raccolgono l'invito a promuovere la Giostra. I pittori Cristiano e Blasetti dipingono il Gonfalone dell'Ente.
Vengono istituiti i Capitani di Contrada, la scelta dei costumi non sempre è rigorosa, mentre sono bellissime le bandiere e gli addobbi, e i tamburini riscuotono sempre maggior successo.
Le cronache raccontano con enfasi che gli organizzatori lavorano con "slancio, fede, gioia e sacrificio". Arrivano anche le multe per indisciplina e quelle per i cavalieri, alcuni rioni pagano da 5 a 20mila lire.
La Giostra è del Pertinace del Cassero, messer Agostino Ronci, su Stella.


1950

La Quintana si butta alla ricerca di sponsor, ma i commercianti, gli imprenditori e gli agricoltori rispondono solo con qualche spicciolo.
Viene approvato il nuovo regolamento tecnico e arriva la prima rivoluzione al Campo de li Giochi: dal tracciato ovale si passa alla pista a otto.
Vince ancora Alberto Moretti, questa volta in sella a Faro. Giulio Andreotti invia 500mila lire di contributo, somma decisamente inferiore a quella richiesta dagli organizzatori.


Galleria Foto


1951-1960

1951

Compaiono le targhe di travertino per delimitare i confini dei 10 rioni e nel Corteo fanno bella mostra di sé le prime corazze.
Il Presidente dell'Ente, Colonnello Mirko Modestini, registra dal notaio Agostino Salmareggi l'atto costitutivo dell'Ente Autonomo Giostra della Quintana.
Marcello Formica vince la sua prima Giostra in sella a Violetta, detta "Bisteccona", per il rione Croce Bianca.


1952

Il Comune decide di illuminare il suo Palazzo e Palazzo Trinci, gli altri edifici vengono illuminati grazie all’Ente Giostra.
E' l'anno del nuovo regolamento tecnico, gli articoli passano da 7 a 17 e il tempo massimo per completare la tornata viene fissato in 2 minuti e 20 secondi.
Prima volta in cui si rende necessaria la terza tornata, tra Contrastanga e Spada; la Giostra la vince Remigio Cinti, Audace del rione Spada, in sella a Piccolo, futuro campione con sei allori.


1953

Il Pugilli vince la Quintana con Aurelio Ravagli su Violetta. Ravagli accetta di giostrare all'ultimo minuto, sostituendo il cavaliere titolare infortunato.
Le prove del sabato sono disastrose e il nuovo Moro non infila neppure un anello. Il giorno dopo, in gara, Ravagli, in sella a Violetta, infila i 9 anelli e si ritrova a disputare la tornata di spareggio con il Giotti. Ancora tre anelli e arriva l'insperata vittoria.


1954

Nasce la prima commissione tecnica, presieduta dal maresciallo Giovanni Gregori. Il nuovo organismo dovrà occuparsi della scelta dei cavalli di Giostra facendo da tramite con i proprietari.
E' l'anno della prima donna Priore della storia della Quintana: guida il Contrastanga la "pasionaria" Anita Chiucchi.
La Giostra è ancora del Croce Bianca con il binomio Marcello Formica e Piccolo, che fermano il cronometro sul tempo di 1'47" e 2/5.


1955

Marcello Formica "aiuta" gli ascolani a far nascere una manifestazione simile alla Quintana e una delegazione dell'Ente si reca alla prima edizione.
Il Comitato Centrale cambia ancora e insieme ai 10 priori ci sono anche 9 magistrati.
Paolo Giusti esordisce nella Giostra della Quintana, con il Rione Contrastanga, ad appena 12 anni. Il giovane Furente conclude la sua prima prova al Campo de li Giochi infilando due anelli nel tempo di 2',37" e 4/5, incorrendo in una penalità di venti punti per aver concluso il percorso due secondi oltre il tempo massimo, a causa dell'uscita dal tracciato di gara. Nel presentarlo, il Priore del Rione, Anita Chiucchi, lo descrive come "un ragazzo, ma autentico cavaliere, che rimpiazzerà il posto e la tradizione lasciatagli dal padre Cruciano" (anche lui Cavaliere di Giostra per lo stesso Rione, morto colpito da un calcio del cavallo che stava addestrando). A Paolo Giusti viene concesso di gareggiare con una lancia lievemente più leggera delle altre, in considerazione della giovane età.
La vittoria è ancora di Marcello Formica, su Piccolo, per il rione Croce Bianca.


1956

Per la prima volta viene istituito il montepremi; si cercano contromisure allo strapotere di Piccolo e viene introdotto il sorteggio dei cavalli di Giostra.
La vittoria tocca ancora una volta a Marcello Formica che regala il sesto palio al rione Croce Bianca.


1957

A Foligno si discute sul Corteo: i Rioni chiedono e ottengono un Corteo con transito rionale. Sfilano anche i cavalieri di Giostra, ma la loro partecipazione non è certa: un ipotetico affaticamento potrebbe compromettere la forma fisica e la concentrazione per la Gara.
Si deve ricorrere ancora alla terza tornata per stabilire il vincitore: Paolo Giusti del Contrastanga, su Rascel, conclude le tre tornate senza penalità; l’ultima con un tempo di 1’55’’ mentre Marcello Formica del Croce Bianca, su Piccolo, compie l’ultima tornata nel tempo (record) di 1’47’’, ma incorre in una penalità per "imprecisione di percorso".
La cronaca della gara, inoltre, riporta che Formica, al secondo giro della terza tornata, avrebbe colpito la statua e non infilato l’anello, ma alla Giuria ne consegna comunque tre.
La Gazzetta di Foligno ipotizza che l’anello, sbalzato dal braccio della Statua a causa del colpo preso, sia andato a finire addosso al Cavaliere che potè così consegnarlo alla Giuria. Formica non accetta la penalità e presenta denuncia in Tribunale, sostenuto dal Priore, Marina Gianformaggio, contro l’Ente Giostra, per "errata interpretazione del regolamento di Giostra", e querela la Gazzetta.
L’Ente si difende ricordando l’inappellabilità del verdetto della Giuria ma comunque, nell’Aprile dell’anno successivo, per evitare il proseguimento dell’iter processuale, stabilisce di assegnare la vittoria "ex-aequo". A questo punto insorge il Contrastanga, alla sua prima vittoria, rifiutandosi di riconoscere il verdetto e riconsegnando il Palio e la Coppa vinti il settembre precedente.
Dopo lunghe trattative e discussioni, l’Ente Giostra fa preparare due nuovi Palii da consegnare a entrambi i Rioni, ma Anita Chiucchi, Priore del Contrastanga, rifiuta il palio: "La vittoria", dice "non si divide con nessuno".
Alla fine, si raggiunge il tanto atteso accordo: un palio ciascuno, ma un’inimicizia che durerà negli anni.


1958

Sul tracciato del Campo de li Giochi appaiono le bandierine che delimitano il percorso e il regolamento subisce un'ulteriore modifica. I cavalieri di Giostra sono costretti a giostrare con parrucca, pizzetto e baffi, rigorosamente finti. Vince ancora una volta Marcello Formica in sella a Piccolo per il rione Croce Bianca.
Marcello Formica, dopo aver vinto il Palio, annuncia il ritiro. Rimarrà però fermo solo un anno, tornando a difendere i colori biancorossi nel 1960.


1959

La nuova sede dell’Ente è in Corso Cavour, il salotto cittadino.
Marcello Formica non è della partita e la Giostra torna nelle mani di Paolo Giusti, ancora in sella a Rascel, per il Contrastanga della Chiucchi.


1960

Edizione speciale della Giostra della Quintana al Circo Massimo di Roma, nell'ambito delle manifestazioni collaterali alle Olimpiadi.
Vince Marcello Formica del Croce Bianca, ancora su Piccolo.
A Foligno scoppia la polemica sulla nomina a Presidente dell'Ente del senatore Achille Cruciani del Movimento Sociale Italiano. Scendono in campo le forze politiche e viene nominato il senatore Giuseppe Salari.
La Giostra viene vinta da Gino Ricci, su Rondinella, per il rione Cassero.


Galleria Foto


1961-1970

1961

Per la prima volta il Gonfalone della città di Foligno sfila all'inizio del Corteo, e viene istituita la cerimonia della consegna delle chiavi della Città al Presidente dell'Ente.
Formica abbandona il rione Croce Bianca per passare al Giotti, dove risiede in via Corso Nuovo.
Torna alla vittoria il Furente di Contrastanga, Paolo Giusti, in sella a Sofia.


1962

La Quintana è investita ancora una volta dalle polemiche. Il Maestro di Campo, Alberto Moretti, ex cavaliere plurivittorioso, usa una ricetrasmittente per comunicare con box e giuria.
La Giostra è ancora di Paolo Giusti. Il Furente, in sella a Sofia, bissa il successo dell'anno prima e si aggiudica il quarto alloro personale.


1963

I due "nemici" Paolo Giusti e Marcello Formica vengono ingaggiati ad Ascoli Piceno, rispettivamente dai sestieri di porta Tufilla e porta Solestà. L'Ente non gradisce la partecipazione dei due campioni alla Giostra ascolana, copiata dalla singoiar tenzone di Foligno.
La Giostra è del Giotti, che conquista il suo primo alloro grazie a Marcello Formica in sella a Briosa, una cavalla grigia dal particolare mantello "moschettato".


1964

L'amministrazione comunale dedica una via alla Giostra della Quintana e all'Ente salta fuori la bizzarra proposta di far giostrare una donna, idea che, decisamente, non incontra favori.
Il Sindaco di Foligno entra nel Comitato Centrale. Ancora un clamoroso cambio di casacca: Paolo Giusti lascia il Contrastanga e approda al Morlupo di Otello Mariotti.
Giusti vince subito, in sella al mitico Draghetto.


1965

Da Assisi arrivano i menestrelli del Calendimaggio e la Quintana conosce le serenate. L'idea è vincente e i folignati riscoprono la bellezza dei vicoli del centro.
La Giostra ormai ha catturato tutti i cittadini e ogni anno si presenta sempre più avvincente.
La vittoria è ancora del Morlupo, con il binomio Paolo Giusti e Draghetto.


1966

La Quintana per la prima volta viene ripresa dalle telecamere della Rai e va in onda in differita alle ore 19. Il telecronista è il giovane Emilio Fede.
La Giostra del ventennale si apre con le accuse di doping lanciate da Otello Mariotti nei confronti di alcuni rioni.
Il Morlupo minaccia di disertare la gara poi la polemica rientra e il Baldo Paolo Giusti, su Draghetto, si aggiudica il terzo alloro consecutivo.


1967

La Quintana diventa oggetto delle attenzioni di troupe televisive internazionali.
Nasce il mito del "Gatto con gli Stivali". E' questo il soprannome coniato per il giovane Piero Cruciani che proprio in quell'anno regala il palio al rione Pugilli in sella a Diana.


1968

Muore monsignor Luigi Faveri, uno dei "riesumatori" della Giostra e rionale del Giotti.
Quest'anno viene consegnato alla storia grazie alla sfida con Faenza. Formica, Giusti, Ciancaleoni, Laureti e Piero Cruciani battono la squadra faentina guidata da Franco Ricci.
La Giostra è del Baldo del Morlupo, con Paolo Giusti in sella a Draghetto.


1969

Il Comitato Centrale si trova a fare i conti con la defezione delle ragazze folignati che sono costrette a subire i commenti poco opportuni di un gruppo di facinorosi tra il pubblico.
Il giorno della Giostra il cielo è sereno sopra al Campo de li Giochi. Ma quando i figuranti si siedono sul palco inizia a piovere. La decisione è quella di dare inizio alla Giostra e i maligni sostengono che sia un escamotage per non rimborsare i biglietti.
Parte Sergio Villa del rione Badia ma cade quasi subito: la Gara viene interrotta, perché la pioggia si trasforma in un nubifragio, e il Palio per la prima volta non viene assegnato.


1970

E' l'anno del campo di prova dei cavalieri di Giostra, lo spazio del secondo otto è quello dell'aeroporto in località "Parapalle".
Paolo Giusti centra il record della pista, ma la Giostra la vince Marcello Formica, su Baiardo, per il rione Cassero.


Galleria Foto



1971-1980

1971

Dopo l'esternazione del senatore Giuseppe Salari, l'Ente decide di mettere a disposizione dei rioni le sedi durante tutto il periodo della festa.
La giovane promessa Fabio Cruciani, Furente di Contrastanga inizia la sua carriera, ma la Giostra è ancora una questione tra Formica e Giusti.
Vince Paolo con il mitico Draghetto ancora per il rione Morlupo.


1972

Da più parti l'Ente viene invitato a rivedere la composizione del Corteo. Si interviene anche sui gruppi dei suoni e i primi riscontri sono positivi.
La Giostra è del binomio del rione Cassero: Marcello Formica su Baiardo.


1973

Marcello Formica si batte per abolire la norma che obbliga i cavalieri di Giostra a partecipare al Corteo del sabato sera e, per protesta, non partecipa alla gara.
Al Cassero, il priore Aldo Amoni ingaggia Gianfranco Ricci.
La Giostra la vince Paolo Giusti, in sella al leggendario Nabucco, per il rione Morlupo.


1974

E' l'anno della seconda trasferta romana e la Quintana, dopo il Circo Massimo, calca il campo di Piazza di Siena, in occasione degli Europei di Atletica.
A Foligno Carlino Suardi apre la taverna sotto il portico di Palazzo Candiotti.
Paolo Giusti e Nabucco del Morlupo centrano la prima "doppietta" della storia della Quintana vincendo sia a Roma che al Campo de li Giochi.


1975

Viene eliminata la diagonale a vuoto e si stabiliscono con precisione le misure del diametro interno degli anelli da utilizzare nelle tre tornate: 11 - 9 - 6.5 cm; precedentemente erano misure "forfettarie".
Il dottor Aldo Zama viene incaricato di seguire l'aspetto storico della Quintana e nasce così la prima Commissione Artistica.
E parte anche la Gara Gastronomica grazie all'intuito del regista televisivo Lino Procacci.
Al Campo la vittoria è del giovane Sergio Villa, su Sintassi, per il Rione Badia. Sergio interrompe il dominio ventennale dei "due nemici" Formica e Giusti.


1976

A Foligno intanto continuano ad arrivare i grandi personaggi della televisione ospiti della Gara Gastronomica: Maria Giovanna Elmi, Corrado, Mike Bongiorno, Gigi Proietti, Marina Morgan, che attirano l'attenzione dei folignati e fanno decollare il Concorso Gastronomico rionale.
In Campo non ce n'è per nessuno: il palio è del Pugilli grazie alle carriere velocissime di Marcello Formica e Cherie.


1977

Lino Procacci, come già in passato, non assegna il "Premio di Comportamento".
Il Contrastanga protesta e propone nuovi compiti per la Commissione Artistica e vince la Giostra con il giovane Fabio Cruciani su Alì.


1978

A Foligno, l'avvocato Ariodante Picuti è il nuovo Presidente dell'Ente Giostra.
Ugo Tognazzi e Paolo Villaggio sono membri della giuria della Gara Gastronomica.
Nasce l'idea di una Quintana a maggio o a giugno, ma il vicesindaco Domenico Doni sostiene che il Comune non può garantire il necessario apporto.
Il Palio è di Piero Cruciani, in sella a Freccia, per il Rione Spada.


1979

Arriva il "Campo Prove" e nasce la Giostra della Rivincita nella terza domenica di Settembre.
La Quintana vola a Copenaghen per la Fiera del Turismo solo con pochi personaggi.
Al Campo, Mario Giacomoni frantuma il muro del minuto: in sella a Selmonsson, per il Rione Ammanniti, ferma il cronometro a 59"55°°.
La Sfida la vince Emilio Mordente, in sella a Tiberio, per il Rione La Mora, mentre la prima Rivincita è di Fabio Cruciani, in sella a Nabucco, per ii Contrastanga.


1980

In Giostra viene introdotta la somma dei tempi delle tre tornate. L'Ente acquista la sede per il Giotti e il Rione di Ciancaleoni propone di realizzare il Museo della Giostra.
Marcello Formica del Rione Pugilli corre le sue due ultime Quintane: vince la Sfida con Ringo e nella Rivincita, inseguendo il record, è vittima di una rovinosa caduta e il palio è ancora del Contrastanga, con Fabio Cruciani su Nabucco.
Si dimette il Presidente Picuti, ma ritorna sui suoi passi convinto dai dieci Priori.


Galleria Foto



1981-1990

1981

A Foligno, dopo tante accese riunioni, il Comitato Centrale chiude le frontiere e stabilisce che possono giostrare solo i cavalieri stranieri che già gareggiano per i Rioni.
Ritorna la "notte degli scherzi" che dà la stura alla grande goliardia quintanara.
Il grande Alberto Giubilo è ospite al Campo de li Giochi, e rimane affascinato dalla Giostra.
La Sfida è di Mario Giacomoni, in sella a Ursus, del Rione Ammanniti; la Rivincita è ancora di Fabio Cruciani, con Ringo, per il Contrastanga.


1982

A Foligno Anna Maria Rodante diventa presidente della Commissione Storico Artistica con il plebiscito del "Consiglio dei Cento". Anna Maria con decisione e grande impegno, in una sola estate cambia lo stile di tutti i costumi, grazie all'aiuto di sua madre, Ersilia Savina, e del costumista Alberto Malgarini.
A sorpresa, dopo essersi allenato durante l'estate per il Rione Contrastanga, Fabio Cruciani passa al Badia di Giampaolo Properzi, per un compenso di quattro milioni di Lire. Si tratta del primo Cavaliere a ricevere un compenso per la partecipazione alla Giostra della Quintana.
Il Contrastanga è costretto a ingaggiare, a pochi giorni dalla Giostra, Mauro Fondi detto "Lu Nicchiu".
Gianfranco Ricci vince la sua prima Giostra, in sella a Zirmia, per lo Spada.
Privo del necessario allenamento, Mauro Fondi del Contrastanga vince il Palio della Rivincita in sella a Stellina; per i rionali gialloblù si tratta di una "giusta vendetta".


1983

Importanti artisti sono scelti per dipingere i palii di Giostra: Pietro Annigoni e Remo Brindisi regalano due grandi opere.
Amedeo Ciancaleoni si divide tra il ruolo di Priore del Giotti e quello di Maestro di Campo.
Il presentatore Corrado è ospite della Giostra grazie ai buoni uffici del solito Lino Procacci.
Anna Maria Rodante scatena le polemiche dopo la dichiarazione in diretta RAI: "in città ci sono i quintanari e i folignati".
Sfida e Rivincita sono di Fabio Cruciani, su Veronica, per il Rione Badia del Priore Giampaolo Properzi.


1984

Aldo Zama spara a zero sulla Quintana, sostenendo che è piena di falsi storici; la Rodante si dimette e poi torna sui suoi passi.
Parte la prima convenzione con la Scuola Ippica per formare i cavalieri di Giostra.
Mauro Fondi vince la Sfida, in sella a Corallo de Florinas, per il Rione La Mora, la Rivincita è ancora del cavaliere nero, Gianfranco Ricci, con Piccolo Fiore, per il Rione Spada.
Il 5 ottobre il Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, è a Foligno, ma la pioggia impedisce lo svolgimento della Giostra straordinaria organizzata per la sua visita.


1985

Muore Anita Chiucchi, la "pasionaria" del Rione Contrastanga.
Problemi finanziari nei Rioni portano alle dimissioni di Ariodante Picuti. Dimissioni respinte e via ai preparativi per il quarantennale.
Una drammatica caduta di Mauro Mazzocchi del Rione Pugilli, in sella ad Argo, causa l'irrimediabile azzoppamento del cavallo che deve essere abbattuto, e scoppia la polemica sulla sicurezza della pista.
La domenica successiva, Mazzocchi non se la sente di gareggiare, lasciando spazio all'esordiente Emanuele Filippucci.
Sfida e Rivincita sono del Rione Spada, con Gianfranco Ricci e Piccolo Fiore.


1986

Il Rione Badia non partecipa alle elezioni. Alla vice presidenza arriva Pierluigi Mingarelli, e viene fissato in un milione e mezzo di lire il tetto massimo per il rimborso spese dei cavalieri e, soprattutto, il vincolo che li lega per 18 mesi al Rione con cui hanno giostrato.
E' l'anno dello splendido Bolero IV, che porta alla vittoria il Fedele di Croce Bianca, Mauro Mazzocchi, sia nella Sfida che nella Rivincita.


1987

La Quintana ha bisogno di soldi e nasce l'idea di far pagare un biglietto a chi entra in città il sabato sera per assistere alla sfilata. L'idea rimane tale e ammirare il Corteo continua a non costare nulla.
Infuria la polemica politica perché il sindaco Stefanetti non saluta il Vescovo durante il Cerimoniale. La pioggia di critiche induce il Sindaco a chiedere un incontro a Monsignor Benedetti.
Cino Felici e Perla Blu regalano al Giotti un palio atteso ventiquattro anni; la Rivincita è del Contrastanga, con Andrea Petterini e Corsaro. Mauro Mazzocchi del Croce Bianca, in sella a Bolero IV stabilisce il nuovo record di pista: 57"25°°.


1988

Fabio Bettoni critica il Corteo e la presidente della Commissione Artistica, Anna Maria Rodante, si dimette.
Nasce il "Palio dei Somari", quello di San Rocco, grazie al Rione Cassero.
La pista alimenta le polemiche dei cavalieri.
Inizia la leggenda di Paolo Margasini che vince Sfida e Rivincita in sella a Ettore per il Croce Bianca.
Paolo era stato ingaggiato il venerdì prima della Sfida, dopo la caduta di Piero Cruciani e l'infortunio di Bolero IV.



1989

Finalmente la Giostra della Quintana è inserita nel decreto sulle lotterie.
Per la prima volta si paga il biglietto (10mila lire) per assistere al cerimoniale del sabato sera, ma i folignati lasciano vuote le tribune in Piazza.
Tengono sempre banco le polemiche sulla Pista di Gara.
La Sfida è ancora di Paolo Margasini, su Bolero IV, per il Croce Bianca, mentre la Rivincita consacra un nuovo campione: Gianluca Chicchini vince, in sella a Gordon, per il Cassero.


1990

La Lotteria Nazionale ancora non c'è e in Campo arriva invece puntuale uno striscione polemico.
Un'altra rovinosa caduta costa la vita a un cavallo: Fuego, lo splendido anglo-arabo-sardo dello Spada, montato da Gianfranco Ricci (di proprietà della scuderia Valentini-Margasini) si infortuna cadendo sulla curva piscina; viene abbattuto per la frattura di entrambe le zampe anteriori.
Il Rione Pugilli vince la Sfida con il velocissimo Emanuele Filippucci su Garrido, mentre la Rivincita è del binomio Gianni Vignoli e Malesia, per il Rione la Mora.


Galleria Foto


1991-2000

1991

Il Dio Marte abbandona il Campo de li Giochi ed entra nel museo della Città. La Giostra si corre con una copia in vetroresina.
A causa della pioggia, la Giostra della Rivincita del 15 Settembre viene posticipata al 22.
Ancora polemiche. Questa volta sono per la Giuria di Gara che riammette il cavaliere Chicchini del Cassero dopo aver abbattuto una bandierina: l'anima in plastica era spezzata e la decisione è giusta.
Il Croce Bianca centra la sua terza doppietta con il Fedele Simone Bocci e l'intramontabile Bolero IV.


1992

Arriva finalmente la Lotteria Nazionale, sui biglietti il volto di Ennio Mariani, nobile di Croce Bianca.
La Giostra straordinaria è di Alfiero Capiani su Talmisia per il Rione Ammanniti.
L’architetto Giancarlo Partenzi sostituisce il collega Altiero Moretti sull'instabile poltrona del presidente della Commissione Artistica.
Paolo Margasini vince la Sfida in sella a Galoppatore per il Pugilli, la Rivincita è di Alfiero Capiani ancora su Talmisia per l'Ammanniti.


1993

Lo chef Gianfranco Vissani presiede la giuria della Gara Gastronomica.
La Sfida è del Giotti con il 15enne Lorenzo Paci su Nibbio de Florinas. Lorenzo, che aveva sostituito l'infortunato Andrea Petterini, vince al debutto ed è il più giovane vincitore nella storia della Giostra.
La Rivincita è invece del Morlupo, che ritorna alla vittoria dopo venti anni, con Gabriele Baldinotti in sella a Prince.


1994

Picuti, per celebrare i 50 anni di Quintana, lancia l’idea del monumento al cavallo.
Scoppiano le polemiche sui "trattamenti" a cui vengono sottoposti i cavalli di Giostra. Qualcuno avanza l'ipotesi del doping.
La Giostra della Sfida e’ dominata da Gianluca Chicchini, sullo splendido Pazosu de Zamaglia, per il Rione Cassero, mentre la Rivincita arride a David Mercanti, in sella a Prince, per il Rione Morlupo.


1995

Si scopre che la Statua della Quintana, sotto la sua scorza nera, nasconde i colori e il restauro ci restituisce l'originale Dio Marte, quello del 1613.
David Mercanti e Prince per il Rione Morlupo vincono la Sfida; la Rivincita è dominata da Paolo Margasini, Moro del Pugilli, con la straordinaria Ca' Granda.


1996

La Quintana compie 50 anni. Ritorna l'abbinamento con la Lotteria Nazionale insieme al Festival dei Due Mondi di Menotti.
Il Giotti, con Lorenzo Paci su Mirko, vince l'edizione straordinaria, la prima Giostra in notturna della storia della Quintana.
La Sfida e' ancora di Paolo Margasini, con Ca' Granda, per il Pupilli, mentre la Rivincita è di Gianluca Chicchini, con Great Gallery, per il Croce Bianca che si aggiudica il palio ricamato da Anna Maria Rodante.


1997

Pierluigi Mingarelli è il Presidente dell'Ente Giostra dopo il ventennio di Picuti.
La Quintana è abbinata per l'ultima volta alla Lotteria Nazionale. La Giostra straordinaria viene vinta da Paolo Margasini, su Ca' Granda, per il Rione Pugilli, che si ripete anche nella Sfida,
non disputata il 14 Settembre a causa della pioggia e rimandata al 21.
La Rivincita del 28 Settembre, a causa del terremoto, non viene disputata.


1998

La Quintana del dopo terremoto si presenta con due grandi novità: il presidente della Commissione Artistica propone la "Fiera dei Soprastanti", meraviglioso mercato barocco, e la Gara Gastronomica diventa "Gareggiare dei Convivi", grazie alla collaborazione del Centro Agroalimentare, presieduto da Marco Caprai, e ai giovani ristoratori europei.
A Faenza muore il "cavaliere nero", Gianfranco Ricci. Franco si spegne tra le braccia di Willer Giacomoni. La Quintana perde uno dei suoi grandi protagonisti. Nella sua carriera Franco ha vinto 63 giochi di antico regime.
Entrambe le Giostre vengono posticipate per pioggia: la Sfida si corre il 20 Settembre e la Rivincita il 4 Ottobre.
La Sfida è ancora di Paolo Margasini, su Ca' Granda, per il Pugilli, mentre nella Rivincita si impone Riccardo Conti, su Larry's Bar, del Rione Ammanniti.


1999

Piazza della Repubblica è invasa dalle impalcature e per la prima volta il cerimoniale del sabato sera, grazie ai rapporti con il comandate generale Plinio Paoli, si svolge nel cortile del Centro di Selezione della Caserma Gonzaga.
Si chiude il triennio di presidenza di Pierluigi Mingarelli.
Un incidente costa la vita al piurivittorioso Marcello Formica, il cavaliere che ha fatto la storia della Giostra.
La Sfida è sempre di Paolo Margasini e Ca' Granda del Pugilli, che stabiliscono il nuovo record di pista: 55"90°°.
Manterlinda, dell'Ammanniti, montata da Riccardo Conti, si ferisce in gara e diventa necessario abbatterla.
Incidente per Ca' Granda che riporta la lussazione del nodello; non è necessario abbatterla, ma viene ritirata dalle competizioni, con sei allori come Piccolo.
Lorenzo Paci, su For a Friend, si aggiudica la Rivincita per il Contrastanga, registrando un nuovo record: 55"50°°.


2000

Domenico Metelli è il nuovo Presidente della Quintana. La manifestazione accelera e nasce la "Cena Grande" per strada con 2000 commensali nel cuore della città.
Arrivano le dame Vip, dieci stelle del cinema e della televisione vengono sorteggiate per sfilare nei Rioni; la madrina ufficiale è la splendida Melba Ruffo di Calabria.
L'Ente approva il regolamento per la salute e la salvaguardia del cavallo e redige il nuovo Statuto.
Il 24 maggio una delegazione della Quintana è ricevuta da Papa Giovanni Paolo II che alla fine della visita, posa per la foto tra i personaggi.
Pochi giorni dopo la Quintana è l'ospite d'onore del Concorso Ippico di Piazza di Siena.
Apre il primo Quintana Point a Porta Romana e Tokyo Channel 12 gira un documentario sulla manifestazione.
Si decide di separare le due Giostre: la Sfida va in scena a luglio e viene vinta da Lucio Antici, su Usciaddo de Sedini, del Giotti; la Rivincita di Settembre è di Riccardo Conti e Larry's Bar dell'Ammanniti.


Galleria Foto



2001-2010

2001

La nuova madrina della Quintana è l'attrice Barbara d'Urso. Il Presidente Metelli lancia l'idea del Carnevale Barocco che si realizza a gennaio con il nome di "Carnevale Ritrovato".
Muore Paolo Giusti, straordinario campione del Campo de li Giochi e scompare Alberto Malgarini, il costumista e scenografo che insieme ad Anna Maria Rodante aveva cambiato la foggia dei costumi da francese a spagnola.
Il maestro della Leica Charles Henneghien fotografa la manifestazione e nasce il primo talkshow "Notti di Quintana".
Storica cena a base di cacciagione nella casa di Cancellara del Presidente per sancire il patto d'onore tra Priori sul mercato dei cavalieri.
Riccardo Conti e Larry's Bar dell'Ammanniti vincono la Sfida, mentre la Rivincita è di Lorenzo Paci, su Malastrana, del Contrastanga.


2002

A Foligno arriva il Presidente della Repubblica Ciampi e la Quintana rende omaggio al Capo di Stato.
Domenico Metelli diventa presidente della Federazione Europea delle Feste e Manifestazioni Storiche e porta la sede a Foligno.
La Quintana va a Siena per rendere omaggio all'arcivescovo Antonio Buoncristiani: è la prima volta che una delegazione in costume viene ricevuta nella città del Palio.
Sandro Vannucci e Marco Mattolini realizzano per RAI due "la Giostra del Tempo", uno splendido documentario che racconta la Quintana.
La Sfida la vince Paolo Margasini in sella a Malastrana. Paolo eguaglia Formica e Giusti con undici vittorie (escluse le "trasferte" romane).
La Rivincita è di Riccardo Conti su Lady Mix per il Rione Ammanniti, anche se la Giostra era stata vinta da Lucio Antici e Valdyou dello Spada, ma il cavallo era risultato positivo all'antidoping.


2003

Il Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie, Lucio Stanca, è ospite della Quintana e rimane affascinato dal Gareggiare dei Convivi, che ritarda il suo rientro a Roma.
L'Ente organizza a Palazzo Candiotti il primo convegno nazionale "il Cavallo e i Giochi Storici" e pubblica il bando per cinque borse di studio sul Barocco.
La Sfida la vince ancora Riccardo Conti su Lady Mix per l'Ammanniti, la Rivincita sorride di nuovo al Gagliardo.


2004

L'Ente organizza la Giostra Storica in Piazza della Repubblica a febbraio. Gareggiano 5 cavalieri: Paolo Margasini, David Mercanti, Lorenzo Paci, Daniele Scarponi e Luca Innocenzi che vince il gioiello. Nasce il "Quintana Store" in Piazza della Repubblica per la vendita di gadgets e materiale promozionale. In vista del sessantennale l'Ente chiede il ritorno in città della Madonna di Foligno di Raffaello. Per la prima volta Willer Giacomoni, figlio del grande Mario, vince la Sfida in sella a Queen Ascot, mentre la Rivincita è di Daniele Scarponi, su Mon Valley, del Giotti.


2005

Il Campo Prove si arricchisce con la pista dritta di 800 metri.
Scompare Dante Mattoli, vice presidente dell'Ente negli anni pionieristici.
Scoppia di nuovo la polemica sul Palio "fotografico" di Virginia Ryan.
Vince la Sfida Daniele Scarponi, su Mon Valley, per il Gioiti; la Rivincita di Settembre, rinviata di una settimana a causa della pioggia, è di Gianluca Chicchini, su Express Dissident, del Contrastanga.


2006

La Quintana festeggia sessanta anni e ad Assisi, una delegazione viene ricevuta al Sacro Convento e riceve la benedizione di padre Coli.
La Giostra finisce sulle figurine: l'Ente edita il primo album sulla manifestazione.
Ultima edizione del Carnevale Ritrovato.
Diventa realtà la scuola artieri dei rioni in collaborazione con l'Università di Perugia.
Per la concomitanza con l'incontro di calcio Italia-U.S.A. valevole per il Campionato del Mondo in Germania, la Giostra della Sfida viene rimandata al giorno successivo.
La Sfida è di nuovo di Daniele Scarponi e Mon Valley del Giotti, mentre Gianluca Chicchini, su Express Dissident, del Contrastanga, trionfa nella Rivincita che, a causa della pioggia, viene rinviata a Sabato 23 Settembre, in notturna.


2007

L'MB 339 del solista delle Frecce Tricolori viene esposto a Porta Romana.
Intanto la Quintana approda di nuovo su Rai 2 nella trasmissione "Sereno Variabile".
Foligno e' sempre più la Città della Quintana e ora, grazie alla passione del consigliere comunale Ivano Bruschi, lo certifica anche la segnaletica stradale.
Inizia il terzo mandato del presidente Metelli e la Giostra invade le reti Mediaset con un spot promozionale.
Luca Innocenzi e Naval War, per il Cassero, si impongono nella Sfida, mentre a Settembre la Giostra è di Emanuele Capriotti, su Ripanera, del Rione Ammanniti.


2008

A Foligno la Quintana cambia il regolamento di Gara.
Dopo decenni il Comitato Centrale delibera il nuovo diametro degli anelli; il "cerchione" da dieci centimetri va in pensione e gli anelli sono di otto centimetri per la prima tornata, sei per la seconda e cinque per la terza.
La manifestazione partecipa alla Borsa Italiana del Turismo di Milano e, intanto, l'Ente mette in vendita la vecchia sede del rione Pugilli di via Mentana.
A causa della pioggia, entrambe le Giostre vengono rinviate: la Sfida al giorno successivo, la Rivincita alla sera stessa del giorno previsto.
La Sfida è ancora di Luca Innocenzi, su Naval War, del Cassero, mentre la Rivincita la vince Lorenzo Paci, su Go Betty Go, per il Pugilli.


2009

La Quintana piange Amedeo Ciancaleoni, uno dei grandi della manifestazione. Amedeo è stato 30 anni Priore del rione Giotti, cavaliere di Giostra, Maestro di Campo, decano dei priori e vice presidente della manifestazione.
L'Ente lancia i pacchetti turistici per attrarre visitatori e la Quintana finisce anche dentro una puntata della popolare fiction "Don Matteo".
La Sfida la vince il debuttante Matteo Martelli, in sella a Catalifi, del rione La Mora; la Rivincita vede il trionfo di Daniele Scarponi, sulla velocissima Scala Minore, per il Croce Bianca.


2010

Il Corteo della Quintana si arricchisce della presenza della governatrice dell'Umbria, Catiuscia Marini che afferma: "è un onore indossare l'abito barocco".
Nel Corteo sfilano pure il presidente della provincia Vinicio Guasticchi e gli assessori provinciali Donatella Porzi e Carlo Antonini.
Francesca Testasecca diventa Miss Italia, aveva sfilato per il rione Giotti nell’edizione di giugno.
Daniele Scarponi vince la Sfida, in sella a Scala Minore, per il Croce Bianca; nella Rivincita risponde Massimo Gubbini, su Baccani, per il Giotti.


Galleria Foto


2011-2020

2011

La Quintana è investita dalle polemiche dopo le sentenze della vicenda doping legata all'"Operazione Zodiaco" del 2006.
Il ministro Brambilla si scaglia contro la Giostra dopo la pubblicazione delle intercettazioni.
Il sindaco Mismetti difende la manifestazione. L'Ente risponde con il centro di ricovero per i cavalli di Giostra.
Intanto la Quintana vara il primo educational per promuovere la manifestazione e la città, a giugno e a settembre arrivano i giornalisti specializzati per vivere il clima quintana.
Durante le prove per la Giostra della Sfida del 18 giugno, la cavalla Estrada, del Rione Morlupo, montata da Lucio Antici, si ferisce incredibilmente con una bandierina che, anzichè cadere al suolo, le si conficca in un fianco, recidendo un'arteria addominale e causandone la morte. Dalla Giostra successiva verranno utilizzate bandierine più sicure, appositamente ideate e realizzate.
Massimo Gubbini, su Baccani, per il Giotti vince la Sfida; la Rivincita è di Luca Innocenzi, con Torta di Mele, per il Cassero.


2012

La Quintana riceve dal Presidente della Repubblica due medaglie per i vincitori di Giostra.
Grazie a Lucio Cacace ritorna il Cantaquintaniere. La Quintana avanza la sua candidatura all'Unesco.
Muoiono il regista Lino Procacci, monsignor Arduino Bertoldo e il giornalista Giuseppe Tardocchi.
Arriva anche il nuovo cerimoniale in Piazza con l'arruolamento e il Bando alla fine del Corteo.
Nasce l'ufficio marketing dell'Ente, per la prima volta viene commercializzato un calendario artistico.
A Settembre grande emozione per l'arrivo del cardinale Giuseppe Betori che benedice i cavalieri di Giostra.
Arriva subito il primo risultato nel nuovo staff della comunicazione: il week-end della Quintana registra un aumento delle presenze turistiche con un lusinghiero +24%.
Sfida e Rivincita sono del Croce Bianca con Daniele Scarponi su Agresti e Big More.


2013

A Foligno si tiene il primo seminario per tecnico di Giochi Storici, la Quintana ritorna su Rai Uno con Roberto Olla.
Scompare Edgardo Venerini, ultimo presidente della Società Operaia di Mutuo Soccorso.
A Porta Romana arriva il monumento al cavallo per celebrare i quattrocento anni dalla Giostra del 1613.
I tamburini protagonisti di Dancity suonano con il grande Sheckleton.
Le frecce tricolori passano sopra al Campo de li Giochi durante la Giostra.
Al campo de li Giochi lo spettacolo pirotecnico del campione di fuochi d'artificio Telesforo Morsani.
Successo per il Quintana Channel, la trasmissione ufficiale dell'Ente e per il nuovo sito della manifestazione quintana.it.
Non manca la polemica: l'Ente deve rispondere agli attacchi di Stefania Filipponi che contesta i contributi del Comune alla Quintana. La querelle termina di fronte alla terza commissione quando si conoscono realmente le cifre giuste.
Francesco Scattolini del Cassero, su Sword Dream stabilisce il nuovo record di pista: 53"21°°; Luca Innocenzi del Contrastanga, su Rowing Celt, gira a 52"52°°, ma il tempo non viene omologato perchè il percorso non è stato netto in quanto manca un anello.
La purosangue Scheggia nel Vento, del Rione La Mora, montata da Lorenzo Paci, si frattura durante le prove. Nonostante il ricovero alla Clinica Veterinaria di Perugia, è necessario abbatterla.
Il purosangue Rowing Celt, protagonista nella Giostra di Giugno per il miglior tempo, anche se non omologato, viene trovato morto nel suo box, probabilmente stroncato da un infarto.
Le Giostre del quattrocentennale sono del Giotti che vince Sfida e Rivincita con Massimo Gubbini e Lord Colossus.


2014

La Quintana partecipa alla tradizionale cavalcata dei Magi di Firenze ed è presente alle solenni celebrazioni in onore di Santa Angela da Foligno.
Il 18 gennaio torna in città la Madonna di Foligno di Raffaello.
L'Ente edita il volume celebrativo "Foligno 1613. La Quintana e la Città".
Gli operai della Merloni sono ospiti della Cena Grande: alla serata prendono parte il maestro Vince Tempera e la soprano Alessandra Ceciarelli.
La Quintana perde due personaggi: scompaiono Renzo Trombettoni, indimenticabile Maestro di Palazzo, per 50 anni custode geloso della tradizione e Otello Margasini, titolare della scuderia folignate che ha vinto tutte le Giostre d'Italia.
L'anno quintanaro si conclude al Campo Prove dell'aeroporto con il saggio della scuola cavalieri.
Per la concomitanza con l'incontro di calcio Italia-Inghilterra valevole per il Campionato del Mondo in Brasile, la Giostra della Sfida viene rimandata al giorno successivo ma, a causa della pioggia, viene ancora rimandata a Sabato 21.
La sfida è di Luca Innocenzi, su Guitto, per il Contrastanga, mentre Daniele Scarponi si impone nella Rivincita, con Woman in Rose, per il Croce Bianca.


2015

Con qualche polemica pre elettorale inizia il quinto mandato del presidente Metelli.
In occasione della Esposizione Universale Milano 2015 (Expo 2015), la Giostra della Quintana di Foligno, inserita a pieno diritto nel panorama delle eccellenze regionali, ottiene un'importante vetrina internazionale. La sera del 30 Luglio si svolge il Banchetto Barocco e, il pomeriggio del 31, un corteggio di circa 200 figuranti, alfieri, tamburini, chiarine, nobili e nobildonne, attraversa l'area dell'Expo, da Cascina Triulza, lungo il Decumano, fino all’Anfiteatro.
Ci lasciano tre priori storici come Lucio Bocci dello Spada, Ugo Capoccioni del Cassero e Giampaolo Properzi del Badia.
Scompare anche Mastro Sante, al secolo Sante Costanzi, artigiano che ha fabbricato per tanti anni le lance di giostra.
Un ricordo particolare merita Alberto Mesca, popolarissimo editore de il Cittadino.
Manuela Marinangeli intervista Enrico Mentana che ricorda le sue due dirette degli anni 80.
La Cena Grande diventa Convivio in Onore di Dama e Cavaliere e si svolge nei Rioni prima della presentazione ufficiale dei Palii di Giostra.
L'Arcivescovo di Siena, Monsignor Antonio Buoncristiani, benedice in Piazza i cavalieri.
L'avvocato Giuseppe Mancini, autore del bando, compie cento anni.
A causa della pioggia, la Giostra della Rivincita viene rimandata al sabato successivo, alle ore 21.
Il Cavaliere del Croce Bianca, Daniele Scarponi, mentre sta completando la tornata, viene fatto oggetto del lancio di una lattina, proveniente dal settore dei "popolani", in particolare, da quello occupato dai sostenitori della Contrada rivale, il Giotti. In seguito alle recriminazioni del Rione Croce Bianca, la giuria di gara decreta la ripetizione della tornata, fermi restando i 10 punti di penalità acquisiti per l'abbattimento di una bandierina, evento precedente al lancio della lattina. Il Rione rinuncia alla ripetizione ed il Palio è vinto proprio dal Rione Giotti, il cui Cavaliere viene tanto sonoramente quanto ingiustamente fischiato dal pubblico presente durante l'ultima tornata. Nei giorni immediatamente successivi, anche a seguito di indagini di Polizia, l'autore del gesto esce allo scoperto, scusandosi pubblicamente. Il Rione Giotti ne decreta l'immediata radiazione. Il Palio viene regolarmente omologato e non si prendono provvedimenti di rilievo da parte dell'Ente Giostra nei confronti della Contrada.
Sfida e Rivincita sono del Giotti con Massimo Gubbini, rispettivamente su Lord Colossus e su Gioia Unica.


2016

Equiteria, azienda all’avanguardia nella progettazione e realizzazione di terreni per ogni competizione equestre, in poco più di un mese realizza il nuovo "otto" di gara; il 9 Maggio 2016, i cavalieri di alcuni Rioni possono effettuare le prime prove del nuovo terreno di gara.
La Giostra della Sfida del settantennale, sul nuovo terreno, regala, oltre a numerosi errori (abbattimento di bandierine, anelli mancati) ben due record di pista: il primo, 52"70°°, lo realizza Massimo Gubbini del Rione Giotti in sella a Wind of Passion, non omologato per l'abbattimento di una bandierina; il secondo, 53"15°° lo realizza Daniele Scarponi dello Spada, in sella a City Hunter, e diviene pertanto il nuovo record ufficiale di pista. La Giostra viene vinta proprio dal binomio portacolori della Contrada delle Conce.
Sotto una costante minaccia di pioggia, la Rivincita del settantennale si disputa a colpi di record di pista: prima Daniele Scarponi dello Spada, in sella a City Hunter, migliora il record (53"15°°), appartenente allo stesso binomio, con un tempo di 53"09°°; poco dopo Pierluigi Chicchini, del Pugilli, in sella ad Edward England, stabilisce il nuovo record di pista con 53"01°°. E' la prima volta in cui si stabiliscono due record, entrambi omologati, nella stessa Giostra.
Christian Cordari, del Badia, in sella a Nitro Horse, perde la staffa destra durante la prima tornata ma riesce a completare la Giostra senza errori, pur con un tempo elevato.
Da segnalare il ritorno in pista di Gianluca Chicchini, chiamato dal Rione Contrastanga a sostituire Luca Innocenzi, infortunatosi in un incidente durante l'estate, per quella che sarà la sua ultima Giostra. Gianluca riceve un lungo e caloroso applauso da parte di tutto il pubblico presente al Campo de li Giochi.
Per la cronaca, la Giostra viene vinta dal nipote Pierluigi per il Pugilli, dopo un'appassionante duello sul filo dei centesimi con il "rivale" dello Spada.


2017

Giostra della Sfida funestata dal grave incidente che coinvolge il cavallo del Rione Giotti, Wind of Passion, caduto durante la seconda tornata, all'ingresso della curva sotto al Palco dei Figuranti. Dopo essere stato sedato e trasportato in ambulanza alla Clinica Veterinaria di Perugia, ed essere stato dichiarato inizialmente non in pericolo di vita, il cavallo muore la mattina successiva per un probabile arresto cardiaco.
Fino al momento del grave infortunio, la Giostra regala emozioni agli spettatori presenti; per la seconda volta nella storia della Quintana moderna, si sono stabiliti due record di pista, entrambi validi: prima il Rione Morlupo, con Lorenzo Paci su Lanunio, ferma i cronometri sul tempo di 52"48°°, poi proprio Massimo Gubbini del Giotti, su Wind of Passion, abbassa ancora il tempo record a 52"19°°.
La Giostra, caratterizzata da numerosi errori ed imprecisioni, vede vincitore il Baldo del Morlupo.
A settembre, il Corteo Storico del sabato sera, preannunciato come il più sfarzoso di sempre, e ricco di interessanti novità, viene interrotto poco dopo l'inizio della sfilata da un'intensa pioggia. A causa del conseguente annullamento del cerimoniale in piazza, l'estrazione dell'ordine di partenza dei cavalieri di Giostra viene effettuata a Palazzo Candiotti.
Il Rione Badia vince il suo quarto Palio, a ben 34 anni di distanza dall'ultima vittoria. Tutta la città si unisce ai festeggiamenti del Rione vincente, nel segno della concordia.
A ottobre, una delegazione di 70 personaggi in costume prende parte, a New York, alla parata per il Columbus Day.


2018

Da questa edizione, le dimensioni degli anelli cambiano ancora. La decisione è stata presa all'unanimità dal Comitato Centrale, allo scopo di rendere più difficile ed avvincente la Giostra. Il primo anello misurerà 6 cm di diametro, il secondo 5,5 cm ed il terzo rimarrà di 5 cm.
Luca Innocenzi, fresco di separazione consensuale dal Contrastanga, vince la Giostra della Sfida per il Rione Cassero in sella a Guitto.
A settembre, il binomio Luca Innocenzi - Guitto, durante la Giostra della Rivincita effettua il record assoluto di pista di 52 secondi e 12 centesimi, battendo così ogni record di velocità nella storia della Quintana di Foligno, e portando a casa anche il secondo Palio.
Sfortunato Mattia Zannori del Rione La Mora che, a causa di un infortunio occorsogli ai box, non prende nemmeno il via.


2019

Giostra della Sfida caratterizzata da numerosi errori e defezioni illustri. Pierluigi Chicchini, del rione Pugilli, compie un persorso senza sbavature e porta a casa il Palio, in sella ad Edward England.
A settembre sfida al cardiopalma tra Daniele Scarponi dello Spada e Massimo Gubbini del Croce Bianca. La spunta il Fedele, in sella a Super Magic, regalandosi il settimo successo personale e il 23esimo per la contrada di via Butaroni.
A Ottobre edizione speciale della Giostra della Quintana, il cui incasso è destinato al Comune di Norcia, come contributo dell'Ente Giostra per la ricostruzione post-sisma.
Vince il Rione Cassero, con il binomio Luca Innocenzi - Guitto.


2020

A causa della pandemia mondiale da Covid-19, si disputa un'unica Giostra, di fronte a soli 1.700 spettatori.
Il Rione Cassero, con il binomio Luca Innocenzi - Guitto, bissa il successo della precedente edizione.
Sempre a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, non si svolge il tradizionale Corteo Storico.


Galleria Foto


2021-

2021

Il mondo intero è ancora "prigioniero" della pandemia da Covid-19 e la Giostra della Quintana deve adeguarsi. Tutte le manifestazioni collaterali, il cui svolgimento contrasterebbe con le restrizioni anti-covid, vengono annullate. Niente Corteo Storico quindi, né ad Agosto, né a Settembre. L'arruolamento dei cavalieri viene effettuato nella corte di Palazzo Trinci, alla presenza dei soli componenti dei Rioni.
Entrambe le edizioni sono dominate dallo strapotere del binomio Luca Innocenzi - Guitto, del Rione Cassero.
La Giostra della Sfida si svolge, per la prima volta, in Agosto, e inizia col botto: il primo binomio a scendere in pista è proprio quello del Cassero, che stabilisce il nuovo record di pista: 51"87°°. Niente da fare per gli altri nove Rioni, che partono già battuti. Si evidenzia però un problema relativo ai tempi morti tra una tornata e l'altra: Innocenzi e Guitto, avendo giostrato per primi ed avendo ottenuto il miglior tempo, nella seconda tornata partono per ultimi, come da regolamento, ma tra una tornata e l'altra passano due ore.
Per la Giostra della Rivincita vengono quindi adottati degli accorgimenti per ridurre al minimo i tempi morti, pur rispettando i tempi di recupero necessari ai cavalli; vengono aumentati gli addetti alla pista, l'entrata in campo dei binomi viene ottimizzata, viene stabilito un tempo massimo, per la partenza, di 120 secondi dal momento in cui il Maestro di Campo dà il via.
Questa volta la vittoria è in bilico fino all'ultimo: dopo la clamorosa uscita di scena dei primi tre Rioni a scendere in pista (anello mancato per tutti), al termine della seconda tornata solo 16 centesimi di secondo dividono il binomio del Croce Bianca, Lorenzo Paci su Super Magic, da quello del Cassero.
L'ultimo anello della terza tornata è però fatale per il cavalier Fedele, che lo lascia appeso alla Statua, consentendo al Pertinace di gestire comodamente il suo ultimo giro di pista.
Le vittorie consecutive del Rione Cassero diventano 4, per un totale di 15 palii vinti; Luca Innocenzi si porta a 10 vittorie, ad un solo passo dai "mostri sacri" Formica, Giusti e Margasini, e il binomio Luca Innocenzi-Guitto diventa il più vittorioso di sempre, con 7 allori.
Da segnalare l'infortunio occorso, durante la terza tornata, al cavallo dello Spada, City Hunter, prontamente fermato dal suo cavaliere, Massimo Gubbini, per evitare conseguenze peggiori.

Galleria foto Quintana 2021


Bibliografia

"I Rioni di Foligno - Tradizione e Storia" - Bruno Martinelli - Associazione Orfini-Numeister - Foligno 1994
"Rione Spada - Giostra della Quintana 1946" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 2007
"Giostra della Quintana 1946 - I protagonisti" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 1996
"1946:nonsoloquintana" - Lanfranco Cesari, Domenico Doni, Franco Bosi - Foligno 1996
"Discorso della Città di Foligno - Cronologia dei Vescovi, Governatori, e Podestà, ch'hanno retto essa Città." - Lodovico Jacobilli - Foligno 1646
La Gazzetta di Foligno
Ente Giostra della Quintana
Sito "Quintana di Foligno"
"Qui - Brochure ufficiale della Giostra della Quintana di Foligno"
"Il Cittadino" - Periodico di costume, arte, cultura e turismo
Con il gentile contributo di Ivano Bruschi e Silvio Ceccarelli

Voci Correlate

Collegamenti Esterni

Sito ufficiale Ente Autonomo Giostra della Quintana di Foligno Quintana 4D Quintana di Foligno Gruppo Facebook Quintana di Foligno Biblioteca Lodovico Jacobilli Gazzetta di Foligno
Pagina Facebook Rione Ammanniti Rione Badia Rione Cassero Rione Contrastanga Rione Croce Bianca Rione Giotti Rione La Mora Pagina Facebook Rione Morlupo Pagina Facebook Rione Pugilli Rione Spada
Copy.png
Benvenuti su WikiFoligno

Il sito è attualmente in fase di upgrade del software e dei contenuti. Vi daremo notizia quando i lavori saranno terminati. Per accedere al "vecchio" sito, cliccare qui.