La Giostra della Quintana

Da WikiFoligno.
Jump to navigation Jump to search
StatuaQuintana04.jpg

La Giostra della Quintana è la principale manifestazione che si svolge a Foligno, ogni anno, dal 1946. Si tratta della rievocazione della Giostra che veniva effettuata anticamente, in un periodo che abbraccia il tardo medioevo e l'età barocca, in occasione del Carnevale. Si hanno notizie, perlopiù frammentarie, di varie Giostre effettuate a Foligno durante questi secoli, ma solo di una si ha un resoconto completo e dettagliato: la Giostra del 1613. Quella cronaca, redatta dal Cancelliere dell'epoca, Ettore Tesorieri, è giunta fino a noi ed è stata presa a modello quando, nel 1946, si decise di "riesumare" l'antico torneo cavalleresco. Partita come semplice rievocazione storica da un’idea di Emilio De Pasquale, negli anni la Giostra è stata integrata con manifestazioni accessorie che ne hanno accresciuto la popolarità, fino a farla diventare un vero e proprio fenomeno di costume. Così come ormai non si può più prescindere dalle taverne rionali, che di fatto sono i centri in cui si svolge l’attività di tutti coloro che in qualche modo ruotano intorno alla Giostra stessa. Fino al 1978 si è svolta una sola edizione annuale; dal 1979 si corrono due edizioni, la Sfida e la Rivincita, che per vent’anni si sono svolte nel giro di due settimane. Dal 2000 la Sfida si svolge, in notturna, nel mese di giugno, la Rivincita, invece, nella classica collocazione pomeridiana, in settembre.

Origine della Giostra della Quintana

Il termine "quintana" deriva con ogni probabilità dal nome di una delle strade interne all'accampamento (castra) romano, ubicata "ai due lati del Pretorio" dove "viene lasciato uno spazio di cinquanta piedi tra il V e il VI squadrone e allo stesso modo tra il V e il VI manipolo di fanteria, in modo che ne risulta un'altra via in mezzo alle legioni, perpendicolare ai quartieri e parallela alle tende dei tribuni: questa via si chiama Quintana perché si trova lungo le tende della V squadra" (Polibio, VI, 27-32). In questo settore specifico, destinato all'allenamento dei legionari, i soldati armati di lancia si lanciavano per infilzare un anello tenuto in una mano da un fantoccio. Dal punto di vista storico la Quintana, invece, è quella statua o fantoccio di legno che raffigura un guerriero armato, verso il quale, come ad un bersaglio, corrono i cavalieri con le lance. Esso viene chiamato anche Saracino con riferimento alle Crociate o alle guerre contro i Turchi, Chintana o Buratto e rappresenta una mezza figura, che nella mano sinistra tiene lo scudo e nella destra la spada o il bastone. Tale statua, se non è colpita al petto, ruota su sé stessa e colpisce colui che sbaglia il colpo. Le cronache ci tramandano diverse notizie su varie Giostre corse a Foligno, ma la maggior descrizione la troviamo per quella del 1158 corsa in onore dell'Imperatore Federico I (Barbarossa). Lo storico folignate Lodovico Jacobilli ci fa sapere che ne risultò vincitore, contro i cavalieri tedeschi della scorta, il nobile folignate Ferrara Pandolfi che ebbe in dono dal sovrano la possibilità di aggiungere il nome Elmi al cognome e di inserirlo nello stemma araldico. In seguito le cronache di Riccardo di San Germano ci tramandano i ricordi di una Giostra tenutasi in città in onore del Re di Puglia e di Sicilia, Federico II, che nel Gennaio 1240 scese a Foligno, proveniente da Coccorone (Montefalco), per celebrarvi un congresso straordinario dei suoi seguaci nell'Italia centrale. La prima notizia di una Giostra nella quale giovani cavalieri a cavallo dovevano infrangere le loro lance appuntite contro la Quintana ci viene da un documento in latino del 1448. In esso, redatto dal Cancelliere comunale del tempo, Bernardo De Albriciis, troviamo scritto per la prima volta il termine di Quintana. Il De Albriciis, nel redigere un “regolamento” per le celebrazioni della festa di San Feliciano, parla dell’esposizione di un “Palio Aquefranche” che si aggiudicherà il vincitore della giostra e di un anello (annulo argenteo et similiter) che dovrà essere infilato con la lancia. L'umanista Niccolò Tignosi, nel suo trattato “De origine Fulginatum”, attribuì ai Trinci, la cui signoria terminò nel 1439, la colpa di aver fatto sparire gran parte dei documenti dagli archivi cittadini, risparmiando solo la documentazione che riguardava la loro casata, e quindi la quasi totale assenza di documenti dei periodi precedenti. Nel 1472 e nel 1497 si ha notizia di due giostre all’incontro, sempre tenute nel periodo carnevalesco. La prima avvenne il 9 febbraio, per festeggiare una donazione di Christofano Piccolomini, nipote del Cardinale. In quell’occasione la lancia aveva un anello di ferro in cima. La giostra avveniva quindi con un cavaliere contro l’altro e si assegnavano diversi punteggi a seconda di dove veniva colpito il contendente. Erano previste pene in caso di uccisione o ferimento. La seconda avviene invece per la festa di San Feliciano, a sostituire la precedente Corsa del Palio. Si hanno notizie di altre Giostre tenute negli anni 1527, 1554, 1600, 1613, 1616, 1713, 1718, 1720, 1740. Di tutte queste gare ci sono giunti dei racconti frammentari ad eccezione di quella del 1613 di cui troviamo, oltre ai capitoli di giostra (regolamenti), una cronaca della gara. La corsa, chiamata allora "Gioco dell'anello", forse perché si dava in premio al vincitore un anello del valore di otto fiorini, si svolse nella Piazza Grande in occasione della Festa di San Feliciano. Infatti gran parte della giornata dedicata alla festa del patrono era dedicata ai "ludi publici", spettacoli di massa che fino alla metà del secolo XV erano effettuati nella seconda parte della giornata, come afferma il cancelliere De Albriciis che li elenca anche nel seguente ordine:

  • Spettacolo della pacca;
  • Corsa del toro;
  • Palio rosato;
  • Corsa all'anello;
  • Corsa delle meretrici.

Lo "spettacolo della pacca" era gestito dai dipendenti comunali e consisteva nel cercare di strappare qualche pezzo di carne da un maiale spaccato e appeso al portico del palazzo del Podestà. Mentre gli inservienti gareggiavano, dalle finestre del palazzo venivano gettate cenere e immondizie, per cui la preda doveva esser buttata via. Questo spettacolo, che si svolgeva durante il Carnevale, fu abolito nel 1485, quando il Podestà fece ripulire le pareti del palazzo ed evitò che fossero di nuovo deturpate con il sangue della bestia e con le immondizie. La "corsa del toro" si svolgeva fuori della città, nella zona dell'attuale caserma. I concorrenti correvano a piedi tenendo per mano un toro. Tutti potevano partecipare e dovevano versare una quota di iscrizione. Più tardi, i tori vennero sostituiti con i cani. La "corsa delle meretrici" si effettuava lungo il percorso dal Ponte di Cesare al Palazzo dei Priori, in piazza. Le concorrenti erano mascherate.

La corsa dell'anello o all'anello era uno spettacolo cavalleresco riservato ai giovani nobili; essa prendeva il nome dal premio messo in palio: un anello d'argento del valore di otto fiorini. Oppure veniva chiamata giostra del termine latino "juxta" trasformatosi poi in "jostare" che vuol dire accostarsi, avvicinarsi, naturalmente ad un bersaglio fisso contro cui si infrangevano le aste. Scopo precipuo della Giostra, ripresa ogni anno il 17 Gennaio, primo giorno di Carnevale, doveva essere il semplice spasso popolare, che si protraeva fino al giorno delle Ceneri. Ma da una memoria del 1613, in cui si parla di una contesa sorta tra i priori della città, e cioè "se il cavaliere d'onore debba tener più alla grazia del principe o al favore di una gentilissima dama", possiamo sospettare che altre gare siano sorte, per risolvere altre questioni d'amore e di gentilezza, com'era costume in quei paesi dove la cavalleria ebbe il suo naturale sviluppo. La distinzione sociale dei ceti si rivela, pertanto, direttamente. Certo il popolo partecipa a tutte e due le forme espressive del gioco nel senso che in entrambi i casi guarda, acclama, si eccita; ma la distinzione dei ceti avviene nel momento dell'agire non in quella del vedere. Infatti il diritto a correre e a correre a cavallo è esclusivamente prerogativa della nobiltà, ceto sociale caratterizzato ed individuato, nei secoli centrali dell'età moderna, dalla partecipazione ereditaria a cariche di governo dalle quali i popolari erano esclusi. In questo contesto il patriziato manifestava le sue qualità intellettuali e, come afferma il Volpi in un suo studio, "Foligno è stato fino al Settecento uno degli ambienti culturali più vivi di tutta l'Umbria". Per cui anche il gioco, almeno a partire dagli inizi del secolo XVII, sembra essere vissuto come espressione di prestigio intellettuale e quindi verrà effettuato esclusivamente dal ceto nobiliare che, in questo modo, indicherà l'occupazione dello spazio fisico e simbolico della città. In base alla documentazione esistente negli Archivi Priorali, nel 1603 si sentì il desiderio di ricostituire la giostra poichè, probabilmente, da qualche tempo essa non si correva più. Le interruzioni infatti erano frequenti: guerre, carestie e pestilenze interrompevano momentaneamente il suo svolgersi, ma essendo questa tradizione legata essenzialmente al patrono San Feliciano e al Carnevale, molto radicata nella popolazione, ben presto venne ripristinata. Dall'atto notarile steso da Giovanni Battista Jacobilli il 10 luglio 1662, sappiamo che quasi sessanta anni prima, nel 1603, il Capitano Giulio Franchini da Bologna dette alla città di Foligno cento scudi con l'obbligo di reinvestirli sotto forma di censo, utilizzando la rendita annua per l'acquisto di un premio da dare al vincitore della Corsa del Saracino, “Cursus Saracinus” volgarmente detta Giostra, che ogni anno, “quotannis”, veniva corsa nella città di Foligno durante il Carnevale, “tempore Bacchanalia”, o per la festa di San Feliciano, a discrezione dei Priori della città, amministratori perpetui della fondazione. Giulio Franchini era figlio di Giovanni e di Alessandra Aldovrandi, importanti nobili bolognesi, e militò come capitano dei cavalleggeri del Papa e dei fanti, sotto Pio V, Sisto V e Gregorio XIV. Il suo legame con Foligno, dove visse fino alla sua morte, fu determinato dal suo matrimonio con Allegrezza della nobile famiglia folignate degli Onofri, avvenuto nel 1570, anno in cui si trasferì definitivamente nella città di Foligno, ove acquistò notevoli proprietà terriere.


La Giostra del 1613

Nel 1613 i Priori della città di Foligno, poiché intendevano celebrare il Carnevale di quell'anno con grande solennità, incaricarono i Consiglieri comunali di organizzare uno spettacolo che superasse ampiamente la consueta celebrazione di tale festa. I Consiglieri si dettero subito da fare riunendosi infinite volte nelle lussuose sale del Comune per studiare in quale maniera dare luogo all'importante manifestazione; ma le molteplici proposte suggerite non potevano essere realizzate sia a causa della stagione invernale, che per l'eccessiva spesa che esse comportavano. E poiché, per questo motivo, tra i Consiglieri "nacque uno strano et ostinato litigio" ecco che intervennero "accortamente i molto illustri Priori, i quali stabilirono che per via dell'armi si terminasse et con la vittoria si dovesse l'oscuro dubbio chiarire". Per cui dettero l'incarico di organizzare questa manifestazione cavalleresca, stilandone un regolamento con i relativi articoli, all'allora Cancelliere protempore: Nobile Ettore Tesorieri di Andria. Egli accettò l'incarico, organizzò la manifestazione e scrisse il regolamento che intitolò: "Stimolo Generoso di Virtute"; inoltre decise di condurre la parte direttiva del gioco nominandolo: ”La Giostra della Quintana”. Il regolamento era composto di venti articoli, i cosiddetti “Capitoli” e fu scritto di suo pugno dal Tesorieri nel Codice Magistrati e Blasoni del “Magnifico Comune di Foligno” sotto il bimestre Gennaio-Febbraio 1613. Il documento consiste in una premessa in latino a cui segue un paragrafo in cui Tesorieri indica i Priori, i Giudici deputati e sè stesso nel suo ruolo di cancelliere e firmatario del testo. Nella pagina successiva appare, invece, il titolo che costituisce il “pretesto” per la giostra: “Stimolo generoso di virtute”; seguono poi i venti Capitoli, il nome del Mastro di Campo (Capitano Aurelio Consoli), i cavalieri partecipanti con le “botte” conseguite e i doni consegnati ai vincitori.

Nei 20 punti si ribadisce che la partecipazione è consentita solo ai nobili.
Ogni squadra deve avere almeno un padrino e una trombetta.
Il padrino deve avere la sua banda e le piume sul cappello.
I punti verranno assegnati dai padrini e dal Mestro di Campo.
Ogni cavaliere dovrà portare cinque lance, tre per la giostra e due per la folla.
In ogni “carriera” si deve arrestare la lancia in tempo e ferire con la punta la testa della statua in modo che la lancia si spezzi.
Tutti i cavalieri devono presentarsi al campo nel giorno e nell’ora stabilita e nessuno deve entrare prima del Mestro di Campo.
Nessun cavaliere deve entrare nella “carriera” finchè non viene chiamato.
Il primo a iniziare sarà colui che si presenterà per primo al campo, poi correranno alternativamente uno per volta.
Prima della corsa le lance devono essere segnate e riconosciute e la grappella presente in cima deve venire colorata.

Nei capitoli 13 e 14 erano stabiliti i punti che ogni cavaliere poteva riportare:

  • Capitolo 13: Chi ferirà in ciascuno degli occhi della Quintana guadagni quattro botte.
  • Capitolo 14: Chi ferirà alto nella testa, cioè dai cigli in su, tre botte; dai cigli in giù, sino alla bocca, due botte; et dalla bocca in giù una botta; e chi ferirà della testa fuori non sia botta.

La perdita del cappello o del manto, della spada o della staffa comporta l’attribuzione di zero botte.
Ogni cavaliere deve iscriversi con nome, cognome e finto nome.
Chi farà più botte nelle tre carriere avrà il secondo premio pure se non appartiene alla squadra vincitrice.

Il documento prosegue con l’elenco dei cavalieri e dei punteggi e con il nome del vincitore: il cavaliere "Fidele" Bartolomeo Gregori, che vinse una collana d’oro del valore di 6,50 scudi. Il secondo premio, un gioiello del valore di 1,50 scudi se lo aggiudicò il cavaliere "Confidente" Cesare Barnabò.

L'antefatto della Giostra è costituito da un pretesto ed è proprio quest'ultimo che ci introduce in un ambiente culturale dotto e squisito, che anche a Foligno trova il suo spazio come afferma nel suo libro "Le Conditioni del Cavaliero", pubblicato a Roma nel 1606, F. M. Jacobilli, vicario generale della Sabina "vir magnae eruditionis fere in onmi genere scientiarum". In esso lo Jacobilli afferma che "il nome di Cavaliero s'acquista per virtù ed eccellenza dell'armi la quale col proprio valore si guadagna", mentre dai suoi ragionamenti l'Amore, pur apprezzato, è assente. Il Tesorieri, invece, aggiunge a questa lettura la conoscenza del dibattito, molto diffuso nei luoghi di cultura, tra Amore e Potere. Quindi siamo in presenza di una piacevole disquisizione che avviene tra due gruppi: i Priori e il Cancelliere da una parte, e altre persone dall'altra. Cioè a un Cavalier d'honore, del quale si conoscono le virtù e le qualità, è di “maggior contento” mantenere “la gratia del suo Principe”, oppure scegliere il “continuato favore di bellissima e gentilissima dama”. Naturalmente il quesito non è di facile soluzione, per cui i Priori decisero di promuovere una Giostra per trovarla, invitando i cavalieri a disputare per l'una o per l'altra parte in causa. Alla giostra, bandita a voce e pubblicata a stampa nei "soliti luoghi", si iscrissero cinque nobili cavalieri che, secondo la prassi, dettero il proprio nominativo a cui aggiunsero anche un finto nome:

  • A. Beccafumi, cavalier "Moro";
  • C. Barnabò, cavalier "Confidente";
  • P.A. Unti, cavalier "Saggio";
  • B. Gregori, cavalier "Fidele";
  • P. Marcelli, cavalier "Turco".

Così la sera del dieci febbraio 1613, alle “venti hore”, alla presenza di numeroso pubblico, con a capo la Magistratura e il Cancelliere della Città in vesti sfarzose, venne celebrato il grande spettacolo “in magna huius civitatatis platea". Nella parte centrale della piazza del Comune, illuminata da un grande numero di fiaccole e luminarie e con i palazzi intorno da cui pendevano raffinati e preziosi damaschi e addobbi, fu posta un'artistica statua in noce massiccia; essa rappresentava il “belli Simulacrum”, con il braccio destro aperto mentre in quello sinistro recava lo stemma di Foligno. A questo punto ogni cavaliere, al galoppo, doveva ferire il volto della Quintana in base al punteggio precedentemente elencato. Alla fine del gioco risultò vincitore Bartolomeo Gregori il “cavalier Fidele“ che fece nove punti ed ebbe in premio una collana d'oro del valore di 6,50 scudi. Il secondo premio, un gioiello del valore di 1,50 scudi, aggiudicato a chi avrebbe fatto più botte nelle tre carriere pure se non appartenente alla squadra vincitrice, se lo aggiudicò il "cavalier Confidente" Cesare Barnabò.


La Giostra della Quintana nell'era moderna

Nel 1946, volendo celebrare gli 80 anni di vita del sodalizio, la “Società di Mutuo Soccorso fra gli operai, agricoltori ed altri cittadini di Foligno”, decise di far risorgere, tra le antiche tradizioni della Città, quella dell’Autunno Folignate, da svolgersi in occasione della rituale Fiera di Settembre. Emilio De Pasquale, "assiduo frequentatore della documentazione storica cittadina", già segretario di Monsignor Michele Faloci Pulignani, suggerì al segretario Feliciano Cecchini di inserire, tra le manifestazioni celebrative dell’80° anniversario della Società, la riesumazione di un antico torneo cavalleresco di cui gli presentò gli atti storici: la corsa alla Quintana effettuata in Foligno il 10 Febbraio del 1613, in occasione del Carnevale, descritta in ogni particolare dal cancelliere di quel tempo, Ettore Tesorieri.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: La riesumazione della Giostra della Quintana

Ente Autonomo Giostra della Quintana

Le prime due edizioni della Giostra della Quintana vennero organizzate dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso; dal 1948 si costituì l’Ente Autonomo Giostra della Quintana che venne legalmente riconosciuto nel 1952 come Ente Morale non lucrativo. In linea di massima, la struttura generale dell’Ente Giostra attuale, non si discosta molto da quella che era negli anni 50; si sono delineati con più precisione scopi, incarichi e modalità elettive in conformità con i tempi. L’ultimo Statuto dell’Ente Giostra è datato 2009 e prevede le figure del Presidente e del Vicepresidente, un Consiglio Direttivo, un Collegio Sindacale, un Comitato Centrale, composto dai Priori delle 10 contrade, dai responsabili delle Commissioni Artistica, Tecnica ed Elettorale, e un Comitato Scientifico, per lo studio e la conoscenza del periodo storico di riferimento. L’organo plenipotenziario con potere incondizionato di controllo e disciplina su tutte le precedenti figure è il Consiglio dei Cento, composto dai Priori e dai Consiglieri dei dieci Rioni, in numero massimo di quindici per ogni Rione, e da una rappresentanza, di diritto, del Comune di Foligno. Negli anni ’50 era un Comitato d’Onore, composto da personalità di spicco della società folignate, ad assolvere questa funzione. Sotto di esso c’era il Comitato Centrale, composto dai Priori, il Consiglio Direttivo, con Presidente e Vicepresidente ed altri membri, la Commissione Tecnica ed il Collegio dei Sindaci Revisori. Copia dello Statuto è scaricabile presso il sito ufficiale dell’Ente Giostra. Nel 1946, al vertice del "Comitato dei Festeggiamenti per l'Autunno Folignate", costola della Società Operaia di Mututo Soccorso, era Virgilio Monacchi, sostituito nel 1947 da Luca Barnocchi, che nel 1948 fu dunque il primo Presidente dell'Ente Giostra appena costituitosi.

  • Nel 1949 il Presidente fu Luigi Giuli.
  • Dal 1950 al 1954 il Presidente fu il Colonnello Mirko Modestini.
  • Dal 1955 al 1976 il Presidente fu Giuseppe Salari, con un breve intermezzo nel 1960, sostituito da Achille Cruciani.
  • Nel 1977 il Presidente fu Armando Raffaeli.
  • Dal 1978 al 1996 il Presidente dell'Ente Giostra è stato l'avvocato Ariodante Picuti.
  • Dal 1997 al 1999 il Presidente è stato Pierluigi Mingarelli.
  • Dal 2000 ad oggi, il Presidente dell'Ente Autonomo Giostra della Quintana è Domenico Metelli.

Il Campo de li Giochi

CampoDeLiGiochi01.jpg

L’impianto di via Nazario Sauro, oggi intitolato ai due grandi della Quintana, Marcello Formica e Paolo Giusti, venne completato nel 1929, anno VII dell’era fascista, e inaugurato l’anno successivo come "Stadio del Littorio". Nel 1936 venne intitolato a Dandolo Gramellini, folignate che cadde in combattimento durante la guerra di Spagna. Dopo la Liberazione divenne semplicemente "Stadio Comunale" e scomparve il busto dedicato a Gramellini che si trovava all'ingresso. Durante la lettura del Bando, veniva chiamato “Campo de li Giochi” fin dal 1946, ma è solo di recente che ha assunto questa denominazione in via ufficiale. Fino al 1983, anno in cui venne completato il nuovo Stadio Comunale in località Santo Pietro, oggi dedicato ad Enzo Blasone, la Quintana ha condiviso l’uso del campo con il Foligno Calcio, ragion per cui i cavalli dovevano galoppare sull’erba e su un terreno facilmente allentabile dalle piogge, causa di numerose e a volte drammatiche cadute. Nonostante il trasferimento del Foligno Calcio nel nuovo impianto, l’uso promiscuo del vecchio stadio proseguirà fino alla fine degli anni '90, per l’utilizzo del campo da parte di squadre minori. Conseguito finalmente l’uso esclusivo del terreno per la Giostra della Quintana, si sono potute apportare importanti modifiche al circuito di gara: la pista è in terra battuta, sopraelevata rispetto al resto del campo e con le curve leggermente paraboliche, condizioni che hanno permesso di raggiungere tempi di Giostra mai registrati prima e di limitare notevolmente le cadute, che erano invece frequenti negli anni precedenti.


Il Bando di Giostra

Il Bando sopra la pubblica Giostra da porsi in Fuligno, compilato nello stile dell’epoca, viene letto la sera del Corteo Storico e il giorno successivo al Campo de li Giochi.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Il Bando di Giostra

Regolamento di Giostra

Nel corso degli anni, il regolamento di Giostra ha subito diverse modifiche, alcune minori, altre di maggior impatto, dettate perlopiù dalla necessità di adeguamento alle nuove situazioni man mano che si presentavano. Ad esempio, le prime Giostre si correvano su una pista ovale e la statua era posta sotto la tribuna. La modifica del tracciato, da un ovale ad un “8”, si deve, più che alla volontà di aumentare la difficoltà, all’accoglimento delle proteste del pubblico che per la gran parte non riusciva a vedere il momento dell’infilzamento dell’anello. Si è anche dovuto tener conto della crescente bravura dei cavalieri, delle nuove tecnologie e dei vari ricorsi che sono stati presentati nel corso degli anni contro un regolamento che lasciava spazio ad interpretazioni.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Il Regolamento della Giostra della Quintana

Il Corteo delle Rappresentanze Rionali

Comprimario per importanza alla Giostra, il Corteo è la presentazione al pubblico della globalità della manifestazione nel suo versante propriamente scenico-spettacolare. Sono visibili i Rioni, come spazio umano, i costumi, le bandiere, i cavalli, i cavalieri, tutto ciò che rende "materico" e quasi tangibile il grande lavoro organizzativo.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Corteo delle Rappresentanze Rionali

I Protagonisti

I cavalieri

I cavalieri più vittoriosi della Giostra della Quintana sono Marcello Formica e Paolo Giusti, con 12 Palii ciascuno, di cui uno ex-aequo e uno ciascuno a Roma, e Paolo Margasini con 11 Palii.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: I Cavalieri di Giostra

Le dame

Essere la "bellissima et gentilissima dama" per il cui "continuato favore" i cavalieri si sfidano è senz'altro stato fin dall'inizio un vanto per le ragazze e le donne scelte ad interpretare questa parte all'interno del proprio Rione. Sarebbe scortese nominarne alcune e non altre, perchè tutte hanno dato, sempre, un tocco di grazia e bellezza, ingentilendo il Corteo coi loro sorrisi e gli abiti meravigliosi. Tuttavia giova ricordare un periodo, tra la fine degli anni '90 ed i primi del 2000, in cui, in competizione tra loro anche su questo, i Rioni scelsero di ingaggiare delle dame "VIP", togliendo la scena alle folignati. Ricordiamo Melba Ruffo, prima Madrina della Giostra e quindi dama dal Rione Croce Bianca che, dopo di lei, ingaggiò la "bizzosa" Eleonora Brigliadori, che sfilava accompagnata dalla guardia del corpo, e quindi Federica Moro, attuale Madrina della Giostra; le varie Ramona Badescu, Samantha De Grenet, Dalila Di Lazzaro, Barbara D'Urso, che fu Madrina nel 2001, e molte altre, decisamente meno note, anche se "VIP", almeno a giudicare dall'"ingaggio". Si tornò presto alla "normalità", anche per le perplessità del pubblico, mantenendo la sola figura della Madrina della Giostra, nella persona di Federica Moro (Miss Italia 1982), e restituendo il meritato spazio alle bellezze cittadine.

Galleria foto dame


I cavalli

Dalle prime edizioni della Giostra apparve subito evidente che l'abilità del cavaliere non è l'unica componente necessaria per il conseguimento della vittoria; l'altra componente è il cavallo, protagonista indiscusso della Giostra al pari del suo cavaliere. In effetti, l'espressione più usata, e senz'altro più corretta, è "binomio", intendendo cavallo e cavaliere. Come già ricordato, i primi cavalli impiegati per la Giostra non erano "del mestiere", ma ben presto si cominciò a cercare animali più adatti per questo genere di competizione. I continui progressi nell'evoluzione della Giostra e nella sistemazione della pista, hanno indirizzato le scelte dei Rioni verso cavalli veloci, resistenti ed affidabili. I purosangue erano considerati troppo veloci per le caratteristiche del tracciato (uscivano spesso di pista), almeno fino alla metà degli anni '90, e si preferivano i sangue-misto anglo-arabi o anglo-arabo-sardi; con la completa risistemazione della pista e soprattutto con la modifica delle curve, la Giostra della Quintana è diventata terreno per dei magnifici purosangue, che al momento rappresentano il 100% dei Cavalli in gara. Il primo cavallo plurivittorioso fu Piccolo, che vinse 7 Giostre, una con lo Spada e 6 con il Croce Bianca (con Marcello Formica), poi fu la volta del binomio Paolo Giusti-Draghetto che vinsero 5 Palii per il Morlupo. Nabucco vinse 5 Giostre, 3 per il Morlupo e 2 per il Contrastanga mentre, in tempi più recenti, Bolero IV corse 23 Giostre vincendone 5 con cavalieri diversi e diventando l'assoluto protagonista della Giostra per oltre un decennio; nello stesso periodo si affermava il binomio dello Spada, Gianfranco Ricci-Piccolo Fiore, vincitori di 3 Giostre. Negli anni '90 la sfida è tra Pazosu de Zamaglia del Cassero, meraviglioso e velocissimo ma vincitore di una sola Giostra, e Ca' Granda del Pugilli, con cui Paolo Margasini vinse 6 Palii, e che purtroppo si infortunò durante la Giostra della Rivincita del 1999. Nei primi anni del 2000, l'Ammanniti centra 3 vittorie consecutive col binomio Riccardo Conti-Lady Mix, per il Croce Bianca si afferma Scala Minore, vincitrice di 2 Giostre, mentre il binomio Lorenzo Paci-Go Betty Go del Pugilli riporta a casa un solo Palio. Al momento attuale sono diversi i Rioni ad avere una scuderia propria, in cui soggiornano, per tutto l'anno, non solo il cavallo di Giostra ma anche cavalli di "riserva", animali più giovani da addestrare e molto spesso anche quelli che hanno concluso la loro carriera. L'utilizzo dei cavalli per le manifestazioni storico-equestri come la Giostra della Quintana, è stato spesso osteggiato da associazioni animaliste, in particolare dopo incidenti che hanno coinvolto i cavalli. Per la tutela della salute degli animali, sono previsti severi controlli anti-doping ad ogni Giostra.

Cavalli01.jpg Cavalli02.jpg Cavalli03.jpg Cavalli04.jpg Cavalli05.jpg
Briosa Bolero IV Go Betty Go Scala Minore Guitto

La statua della Quintana

"Saracino" o "Dio Marte", "Quintana" o "buratto", "Quintanone" o "simulacrum belli"; comunque la si voglia chiamare, la statua della Quintana è la protagonista principale della manifestazione, l'unica ad aver "visto" tanto le giostre antiche quanto quelle moderne. Ha anche una storia affascinante, che merita un approfondimento a parte.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: La Statua della Quintana

La lancia

Lance01.jpg

La lancia di Giostra (di sezione rotonda anche nel puntale eccetto alcune fra le più vecchie che hanno ancora punta quadrangolare), come previsto dall’attuale Regolamento di gara all’articolo 12, ha le seguenti caratteristiche: lunghezza 3.150 millimetri; diametro 24-26 mm; peso kg. 2,00 - 3,00; impugnatura a 1600 - 1700 mm dal puntale; bandierina a forma di triangolo isoscele da mm 150 x 220, fissata alla distanza di mm 280 dal puntale. Ad accertarne la regolarità è la giuria, che procede alle misurazioni ed alla punzonatura. Le operazioni si svolgono nella sede del Comitato Centrale, il pomeriggio del giovedì o venerdì antecedenti la Giostra, insieme con i costumi che i cavalieri indosseranno per la gara. La lancia utilizzata oggi dai cavalieri della Quintana di Foligno deriva dalla lancia dei Reggimenti di Lancieri, nell'Arma di Cavalleria, tutt'ora esistenti nel nostro Esercito. Nel Museo dell'Ente Giostra della Quintana è conservata un esemplare di lancia modello 1900, donata dall'Esercito. La “lancia italiana modello 1900” è la terza ed ultima lancia d’ordinanza dell’Esercito Italiano che sostituì a partire dall’anno 1902 la precedente versione (lancia da cavalleria modello 1870) in legno di frassino. La modello 1900, interamente metallica, è stata utilizzata in operazioni durante la Prima Guerra Mondiale e successivamente solo per le cerimonie ed i servizi di rappresentanza. Ancora oggi, nei Reggimenti di Cavalleria dell’Esercito Italiano tale lancia viene utilizzata, sia a piedi sia a cavallo, durante le cerimonie. Ciò anche nella considerazione che lancia costituisce il principale simbolo dell’Arma di Cavalleria (infatti il fregio indossato dagli appartenenti a tale Arma è costituito appunto da due lance modello 1900 incrociate). La lunghezza totale è di 3.150 millimetri, la lunghezza della punta è di 135 millimetri ed il peso medio raggiunge 2.300 grammi. Una curiosità: all’interno della lancia (un tubo cilindrico di acciaio dolce, che è vuoto) sono disposti cinque o sei fogli di carta asciugante arrotolati e distribuiti per tutta la sua lunghezza allo scopo di attenuare la sonorità dell’arma.


Gli anelli

AnelliQuintana.png

Al pari del simulacro il cui nome ha fornito la denominazione della Giostra, Quintana appunto, gli anelli sono l’altro simbolo inconfondibile della tenzone cavalleresca di Foligno. Se in origine gli anelli da giostra erano di legno tornito o in tondino di ferro; con la frangia quasi sempre presente, intrecciata sull’anello stesso con i colori dell’araldica locale, oggi sono costituiti da cerchi in tubolare di alluminio, con un diametro in sezione di 10 mm. e spessore di 1 mm., lavorati ancora oggi esclusivamente a mano. Sono colorati con fasce bianche e rosse, e sulla parte bassa, attraverso un leggera fenditura sono inseriti dei fili anch’essi bianco-rossi che formano una frangia ben visibile quando l’anello è appeso al braccio della statua della Quintana. Fino al 1975, le misure degli anelli erano "forfettarie"; per la prima volta, in quell'anno si stabilirono le misure precise del diametro interno: 11 cm, 9 cm, 6,5 cm. Stante la crescente bravura dei cavalieri di Giostra, si decise a più riprese di modificare le misure degli anelli, che nel 2008 divennero rispettivamente di 8 cm, 6 cm e 5 cm. L'ultima modifica è del 2018:

  • 1^ tornata: 6 cm;
  • 2^ tornata: 5,5 cm;
  • 3^ tornata: 5 cm.



Il Palio

Il Palio è il simbolo della vittoria e nella Giostra della Quintana tutto ruota intorno ad esso. Fin dalla prima edizione della versione moderna, nel 1946, il Palio ha evidentemente costituito l’obiettivo finale. Oggi, al di là dell’essere espressione primaria del successo del rione, il Palio ha finito con il diventare una vera e propria opera d’arte, tanto che la Quintana – come solo poche manifestazioni in Italia – può esibire una vera e propria galleria d’arte moderna firmata da artisti importanti. Sono di varia forma e sono declinati nei diversi linguaggi dell’arte contemporanea. E così Salvatore Fiume, Pietro Annigoni, Domenico Purificato, Remo Brindisi nel corso del tempo hanno lasciato la loro preziosa traccia su un oggetto così conteso. Il Presidente dell’Ente Giostra consegna al Priore del Rione vincitore il “simulacro di vittoria”,che viene portato in trionfo da tutta la compagine rionale lungo le strade cittadine, in testa al corteo, dopo la fine della Giostra.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Il Palio della Giostra della Quintana

Eventi

Già dalla seconda edizione della Giostra, si cominciò a delineare con precisione la sequenza degli eventi, che avrebbero reso nel tempo la manifestazione sempre più ricca e complessa. In quel sabato del settembre 1947, a mezzogiorno si esposero le bandiere rionali sul balcone del Palazzo Municipale, la sera alle 21 si dette lettura del Bando, prima dell’inizio del Corteo; la domenica, sfilando per raggiungere il Campo, si passò davanti alla Cattedrale, dove ciascun cavaliere ricevette la benedizione del Vescovo. Da allora numerose rivisitazioni, innovazioni, aggiunte e correzioni hanno modificato il cerimoniale rendendolo sempre più affascinante. Oggi tutte le vie del Centro Storico vengono imbandierate, con i colori del rispettivo Rione, con largo anticipo (è tradizione che tutti i Rioni lo facciano durante la "notte delle bandiere", in modo che la Città si risvegli al mattino pavesata a festa) e durante le due settimane che precedono ciascuna Giostra aprono le dieci caratteristiche Taverne rionali; si è curata con particolare attenzione la scenografia degli eventi che si susseguono di fronte ad un pubblico sempre più entusiasta.

Al presente, fanno parte degli eventi legati alla Giostra della Quintana, durante le due settimane che precedono ciascuna tenzone:

  • Il saluto e lo scambio dei doni tra l’Autorità Ecclesiastica e quella Civile, costituita dalla rappresentanza del Comune e dell’Ente Giostra.
  • La notte delle bandiere, lungo le vie del centro.
  • Esposizione del drappo dal balcone del Palazzo Comunale.
  • Esibizione "Sbandieratori e Musici Città di Foligno", in Piazza della Repubblica.
  • Apertura delle Taverne rionali.
  • Convivio in onore di Dama e Cavaliere, in ciascuna delle dieci Taverne.
  • Presentazione del Palio di Giostra, in Piazza della Repubblica.
  • Fiera dei Soprastanti, lungo le vie più caratteristiche del centro storico, in settembre.
  • Palio della Filomè, in Piazza della Repubblica.
  • Gara dei Tamburini, in Piazza della Repubblica.
  • Staffetta del Popolano, gara di corsa tra rionali, in settembre.
  • Notte Barocca, per le vie della città, in settembre.
  • Disfida di San Rocco, in Piazza san Domenico.
  • Battesimo rionale, presso ciascun Rione.
  • Corteo delle rappresentanze rionali, lungo le vie del centro storico.
  • Lettura del Bando e benedizione dei Cavalieri, in Piazza della Repubblica.
  • Sorteggio dell'ordine di partenza, in Piazza della Repubblica.
  • Annullo speciale delle Poste Italiane, presso il "Quintana Point", corso Cavour.
  • Giostra della Quintana al Campo de li Giochi.
  • Consegna del Palio al Rione vincitore.
  • Premiazione in Piazza della Repubblica.

Sono anche previsti, per tutto il periodo che precede la Domenica di Giostra, esibizioni di artisti e concerti.
Palazzo Candiotti ospita gli incontri culturali della Quintana, intitolati "Chi non sa far stupir vada alla striglia", incentrati su temi riguardanti Rinascimento e Barocco.


Manifestazioni collaterali

Il Gareggiare dei Convivi

Dagli inizi degli anni '70, i Rioni cominciarono a dotarsi di una taverna, ricavata da un locale dei numerosi palazzi seicenteschi della città, in cui poter consumare cibi semplici nell'atmosfera medioevale. Tre sono i Rioni che si vantano di aver “inventato” le taverne: il Cassero, il Giotti e il Contrastanga. In realtà nel 1968, i dirigenti del Rione Cassero, nello scantinato molto caratteristico di Palazzo Gentili-Spinola vollero approntare in modo rustico una forma di accoglienza con cibi molto semplici. Il successo fu notevole. L’anno seguente la medesima esperienza fu praticata dal Rione Giotti e dal Rione Contrastanga.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Le Taverne Rionali

Festival Segni Barocchi

SB01.png

Il Festival nasce nel 1981 grazie al Consorzio economico urbanistico per i beni e le attività culturali della Valle Umbra Sud e, soprattutto, a Massimo Stefanetti che, insieme a Fabio Bettoni e Piero Arcangeli, progettò Segni Barocchi, partendo dalla constatazione che il punto di riferimento costante della città di Foligno dal dopoguerra era la Giostra della Quintana. Questa constatazione conferma il valore di quell’intuizione che iniziò ad esaltare i segni importanti di stile barocco, nella città di Foligno nella tipologia architettonica, negli interni dei palazzi e delle chiese e nella produzione artistica e letteraria.
Il festival si proponeva e si propone di assumere le caratteristiche di un evento finalizzato a diventare un coerente punto di riferimento rispetto ai segni del Barocco in Italia e nel Mondo. Volendo ricostruire un tempo per proiettarlo dialetticamente come festa nella vita di oggi, il costante interesse del festival alle categorie estetiche di Manierismo e di Barocco non si limita ad una rivisitazione in chiave filologica ma piuttosto costituisce uno strumento di interpretazione della realtà contemporanea, nella quale spesso predominano forti segnali neobarocchi.
Segni, insomma rispetto al Seicento, da ricercare guardando indietro, estendendosi in avanti, o interpretando le attuali espressioni artistiche presenti nei settori produttivi di cultura e nel nostro vivere quotidiano. Il festival ha costruito un vero e proprio laboratorio permanente della cultura barocca e può, in questo ambito, considerarsi anche in relazione all’immagine conquistata sulle pagine dei giornali, nei siti Internet e nelle emittenti radiofoniche e televisive, una delle più importanti esperienze europee.
Insieme al Festival hanno fatto strada musicisti, attori, ricercatori, gruppi musicali e compagnie teatrali: sono tornati a vivere, attraverso le mostre, opere d’arte e d’artigianato, libri e materiali di archivio; è cresciuto il lavoro dell’artista, ma si è sviluppato anche il lavoro dello spettatore. Esperienze e produzioni piccole hanno trovato il loro palcoscenico insieme alle grandi produzioni nazionali e internazionali: il Footsbarn, le macchine pirotecniche con il “Mago del Fuoco”, Els Comedians di Barcellona con “Dimonis”, Eugenio Barba, il teatro giapponese, le antiche danze indiane, i Plasticiens Volants, il teatro studio Krypton, Giorgio Albertazzi, Raf Vallone, Pamela Villoresi, Peppe Barra, il Teatro Tascabile di Bergamo, Silence Teatro, il Teatro Potlach, il Teatro Scientifico di Verona, la compagnia çàjka, Katia Ricciarelli, Antony Rooley, Jordi Savall, Montserrat Figueras, e tanti altri. Se nonostante gli anni, Segni Barocchi non solo ancora esiste ma è cresciuto per qualità e quantità di pubblico e di iniziative ciò si deve alla validità dell’idea da cui nasce.
Il Festival si svolge durante il periodo della Giostra della Quintana di Settembre e comprende anche la "Notte Barocca", durante la quale restano aperti negozi, ristoranti, musei e taverne dei Rioni della Giostra della Quintana, che saranno animate con giochi, spettacoli e gruppi musicali itineranti.
Il sito web del Festival Segni Barocchi è: https://segnibarocchifoligno.it/ .


Galleria foto Festival Segni Barocchi


La Fiera dei Soprastanti

Riproposizione dell'antica Fiera che si svolgeva a Foligno fino al 1816, dal 1998 è stata ripristinata per un solo giorno, prima della Giostra di Settembre, e viene presentata con particolare cura ed attenzione ai dettagli, con banchi di vendita costruiti secondo lo stile dell'epoca e merci attentamente controllate per la loro aderenza al periodo storico. Personaggi in costume (I Soprastanti, le "forze dell'ordine" dell'epoca), musici e giocolieri allietano i visitatori che potranno acquistare le merci esclusivamene pagando con la moneta appropriata: il Quattrino di Foligno, al cui cambio è deputato l'Ufficiale Depositario.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: La Fiera dei Soprastanti

La gara della Filome’

La Gara della Filome' è un gioco caratteristico della Quintana, organizzato ogni anno dalla Commissione Manifestazioni Collaterali del Rione Badia, che coinvoolge tutti i Rioni della Giostra della Quintana. Ogni Rione partecipa con due popolani (in totale venti persone) in costume che prendono posto, secondo sorteggio, al tavolo di gara.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: La Gara della Filome'

Il Palio di San Rocco

La "corsa dei somari", goliardicamente organizzata dal Rione Cassero, è ormai parte di diritto del programma ufficiale degli eventi collaterali alla Giostra della Quintana. Si svolge nei periodi di Giugno e Settembre, in Piazza San Domenico, e vede i rappresentanti dei dieci Rioni sfidarsi in groppa a degli asini.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: La Disfida di San Rocco

La Gara dei Tamburini

I tamburini dei dieci Rioni si sfidano in Piazza, sotto gli occhi di un'apposita ed attenta Giuria, che decreta quale delle formazioni merita il premio del "pistillo d'argento".

Lente01.png Vedi pagina dedicata: I Tamburini della Quintana

Il Cantaquintaniere

Manifestazione goliardico-canora ripristinata e diretta da Lucio Cacace.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Il Cantaquintaniere

Il Trofeo "Centro del Mondo"

A partire dal 1998, l'Associazione "Centro del Mondo", per volontà del presidente Alessandro Bianchini, mette in palio un trofeo per il cavaliere che si aggiudica due edizioni della Giostra della Quintana, anche non consecutive.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Trofeo "Centro del Mondo"

Il Battesimo Rionale

Cerimonia laica, officiata dai Priori dei dieci Rioni, che sancisce l'inizio, da parte del "battezzato", di un percorso ufficiale all'interno della vita rionale. Non è ovviamente limitata ai neonati; anche figli più grandicelli di genitori rionali, e giovani ragazzi, possono ricevere il simbolico benvenuto nel Rione.
Dal 2020 l'evento, precedentemente organizzato autonomamente solo da alcuni Rioni, è stato esteso a tutte le dieci Contrade ed è entrato nel programma delle manifestazioni di Settembre.
Nel rispetto delle normative anti-Covid, le cerimonie si sono svolte, in sicurezza, sia nel 2020 che nel 2021.
Ogni Rione ha scelto, per la speciale occasione, un luogo simbolico all'interno del proprio territorio; pur seguendo una linea comune, ciascun Rione aggiunge particolarità caratteristiche proprie.
Nel 2021, in media, ciascun Rione ha "battezzato" circa un centinaio di nuovi popolani.

Battesimo01.jpg Battesimo02.jpg
Le cerimonie del 2021

Media

LogoMedia.png

La Giostra della Quintana è amata dai folignati, ma è anche un'importante attrattiva turistica che richiama a Foligno, ad ogni edizione, centinaia di persone da ogni parte d'Italia e anche del mondo. L'utilizzo di tutti i canali di informazione disponibili è fondamentale per far conoscere al grande pubblico la nostra principale manifestazione. Gli addetti alla comunicazione dell'Ente Giostra, Manuela Marinangeli e Mauro Silvestri, sono sempre al lavoro su questo aspetto, attraverso l'analisi delle tendenze e la messa in campo di strategie atte a raggiungere una platea sempre più vasta.



Il Quintana Point

Negli spazi dell'ex Teatro Piermarini, in corso Cavour, per tutta la durata delle manifestazioni di ogni edizione della Giostra, è aperto il "Quintana Point", il punto di informazione della Giostra della Quintana. All'interno del QPoint è possibile acquistare i biglietti per la Giostra, i biglietti della "Lotteria della Quintana", i fazzolettoni dei Rioni e vari gadgets. E' inoltre disponibile, gratuitamente, la rivista "Qui - è tempo di Quintana", pubblicazione ufficiale dell'Ente Giostra della Quintana, diretto da Manuela Marinangeli.

Media01.jpg Media02.jpg
Il Quintana Point

La rivista "Qui"

Da giugno 2012, ogni edizione della Giostra della Quintana è stata accompagnata dall'uscita di una pubblicazione editoriale di approfondimento. E' un prodotto ricco di contenuti e immagini, che tocca tutti gli aspetti della manifestazione. Come scrive il direttore, Manuela Marinangeli, "E' la rappresentazione grafica e cartacea di una manifestazione che resiste, che rivela il suo grande amore per Foligno, che dimostra capacità di organizzazione e professionalità." La rivista si avvale della collaborazione, tra gli altri, di Paola Tedeschi e Mauro Silvestri, con le fotografie di Vanessa Raiola. La rivista è ritirabile gratuitamente presso il Quintana Point.

Media03.jpg Media04.jpg
Le edizioni 2021 di "Qui"

Musei

Museo Multimediale dei Tornei, delle Giostre e dei Giochi

Un viaggio nel tempo e nello spazio. Un viaggio tra antichi cavalieri, tornei, nobili, dame, giochi e feste. Da un’epoca all’altra attraverso i numerosi eventi rievocativi che punteggiano l’Europa. E’ quanto propone il Museo Multimediale dei Tornei, delle Giostre e dei Giochi inaugurato nel febbraio 2001 e operante all’interno di Palazzo Trinci. Con una natura decisamente multimediale, interattiva e virtuale è volto a valorizzare tutto un patrimonio storico fatto d’avvenimenti, documenti, reperti, usanze che ancora oggi costituiscono un momento significativo nella vita sociale e comunicativa dell’intera Europa. Il museo accoglie, al suo interno, il centro di documentazione che svolge attività di ricerca, catalogazione e informatizzazione di materiali e documenti. I risultati di questo lavoro, in gran parte pubblicati in rete nel sito del museo e a disposizione del pubblico interessato sono:

  • Repertorio delle rievocazioni storiche italiane ed europee
  • Un catalogo bibliografico informatizzato con software specifico
  • Un primo catalogo di film e audiovisivi tematici
  • Un primo catalogo dei dipinti, delle stampe e delle immagini
  • Un primo censimento delle arti e dei mestieri connessi alle rievocazioni storiche
  • Un primo nucleo di materiale documentario che costituisce una piccola biblioteca specializzata e una videoteca a tema

Museo 4D della Quintana

Quintana 4D – "Divertimento Digitale Didattica Diffusa" è un programma promosso da Ente Giostra della Quintana di Foligno, Centro Studi Città di Foligno e Stati Generali dell’Innovazione. Q4D si propone di creare un ecosistema per l‘arricchimento, la valorizzazione e la salvaguardia dell’eredità culturale digitale della Città della Quintana. Il progetto aspira ad essere riconosciuto quale primo esempio concreto di patrimonio culturale intangibile, fruibile in realtà aumentata, per la valorizzazione di un centro storico di medie dimensioni. In questo scenario Foligno, grazie alle nuove tecnologie di realtà aumentata e realtà virtuale, trasforma in realtà la visione shakespeariana del mondo come palcoscenico, configurandosi come un museo-teatro in grado di offrire centinaia di ore di formazione e intrattenimento digitale.
Il "Museatro" della Giostra della Quintana è stato ufficiallmente inaugurato il 20 ottobre 2017, presso la sede dell’Ente, a Palazzo Candiotti.


Museo Rionale Societas Juctorum

Il Nobile Rione Giotti è l’unico fra i dieci Rioni della Giostra della Quintana di Foligno ad aver istituito un museo.
Il Museo Rionale Societas Juctorum, inaugurato nel 2015, è un museo di storia dell’appartenenza rionale, uno spazio di memoria e narrazione che ha un duplice scopo: ricordare a chi fa parte del Nobile Rione Giotti la storia di cui ognuno è portatore e testimone, raccontare a chi scopre la Quintana per la prima volta la storia della manifestazione e che cosa significa far parte di un Rione. Il percorso espositivo del Museo Rionale Societas Juctorum si articola in tre sale, all’interno delle quali sono conservati i Palii di Giostra vinti dal Nobile Rione Giotti, cimeli, documenti, bozzetti storici e numerosi abiti sia da gara, come i quattro abiti da fantino indossati da altrettanti cavalieri vittoriosi dal 1987 al 2015, sia da sfilata, con i dieci abiti da nobili e dame che evidenziano anche l’evoluzione dell’abito barocco folignate dagli anni Settanta (ispirati alla moda francese) agli anni Ottanta, Novanta e Duemila (ispirati alla moda spagnola e inglese). Il museo è visitabile anche virtualmente a questo indirizzo: https://www.rionegiotti.it/il-museo-rionale/ .


Internet

La Giostra della Quintana di Foligno ha un sito internet, all'indirizzo: https://www.quintana.it/ , a cui si aggiunge il sito del progetto Quintana 4D: http://www.quintana4d.it/ .


Social

La Giostra della Quintana è presente anche nelle maggiori piattaforme social media.

LogoFacebook.png LogoInstagram.png LogoTelegram.png
Giostra della Quintana di Foligno Giostra della Quintana Foligno Giostra della Quintana di Foligno

Quintana Channel

LogoChannell.png

La Giostra della Quintana ha una sua trasmissione dedicata su Umbria TV, Canale 10 del Digitale Terrestre, e sul web: Quintana Channel; è un contenitore di informazioni, interviste, dietro le quinte, anticipazioni ed appuntamenti, condotto da Manuela Marinangeli, con la collaborazione di Mauro Silvestri, Claudio Bianchini, Luca Marinangeli, Lucio Cacace e Leonardo De Mai. Durante tutto il periodo delle manifestazioni legate alla Giostra, dallo studio televisivo allestito presso il Quintana Point parte ogni giorno una puntata del programma di informazione e intrattenimento quintanaro, che nel tempo ha creato l'identità televisiva della Giostra della Quintana di Foligno.

Media05.jpg Media06.jpg Media07.jpg Media08.jpg
Manuela Marinangeli e i suoi ospiti in trasmissione

Gare sportive tra Rioni

La competitività tra i Rioni di Foligno si estende anche allo sport. Corsa podistica, calcetto, basket e volley sono le discipline in cui i "popolani" di ciascun Rione si sfidano, durante l'estate, tra un'edizione e l'altra della Giostra della Quintana.

Lente01.png Vedi pagina dedicata: Tornei tra i Rioni

Bibliografia

Giulia Serafini, “La Quintana di Foligno: una città, una storia, un popolo”. - Tesi di Diploma in Mediazione Linguistica e Comunicazione Interculturale.
"I Rioni di Foligno - Tradizione e Storia" - Bruno Martinelli - Associazione Orfini-Numeister - Foligno 1994
"Rione Spada - Giostra della Quintana 1946" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 2007
"Giostra della Quintana 1946 - I protagonisti" - Gabriele Brinci - Ente Giostra della Quintana - Foligno 1996
"1946:nonsoloquintana" - Lanfranco Cesari, Domenico Doni, Franco Bosi - Foligno 1996
"Discorso della Città di Foligno - Cronologia dei Vescovi, Governatori, e Podestà, ch'hanno retto essa Città." - Lodovico Jacobilli - Foligno 1646
La Gazzetta di Foligno
Ente Giostra della Quintana
Sito "Quintana di Foligno"
"Qui - Brochure ufficiale della Giostra della Quintana di Foligno" - A cura di Manuela Marinangeli e Mauro Silvestri
"Il Cittadino" - Periodico di costume, arte, cultura e turismo
Con il gentile contributo di Ivano Bruschi e Silvio Ceccarelli

Rione Ammanniti
Rione Badia
Rione Cassero
Rione Contrastanga
Rione Croce Bianca
Rione Giotti
Rione La Mora
Rione Morlupo
Rione Pugilli
Rione Spada

Voci Correlate

Collegamenti Esterni

Sito ufficiale Ente Autonomo Giostra della Quintana di Foligno Quintana 4D Quintana di Foligno Gruppo Facebook Quintana di Foligno Biblioteca Lodovico Jacobilli Gazzetta di Foligno
Pagina Facebook Rione Ammanniti Rione Badia Rione Cassero Rione Contrastanga Rione Croce Bianca Rione Giotti Rione La Mora Pagina Facebook Rione Morlupo Pagina Facebook Rione Pugilli Rione Spada
Copy.png
Benvenuti su WikiFoligno

Il sito è attualmente in fase di upgrade del software e dei contenuti. Vi daremo notizia quando i lavori saranno terminati. Per accedere al "vecchio" sito, cliccare qui.